Una moneta per James Joyce

Una moneta per Joyce, sbagliata

La Banca Centrale irlandese ha emesso una moneta commemorativa per celebrare l’Ulisse di James Joyce.

Realizzata in argento €10, si presenta con un ritratto del volto dell’autore nella parte frontale e con una breve citazione tratta dal terzo capitolo del libro, mentre il retro riporta una classica arpa celtica.

Presentata in occasione di un evento privato che si è svolto alla Newman House, a St Stephens Green in ricordo appunto dello scrittore quando era soltanto uno studente presso l’University College di Dublino.
 
Una moneta per James Joyce
 
Il disegno unisce il ritratto con la posizione di Joyce come una delle figure di spicco del movimento modernista, peccato però che la citazione risulta essere errata perché è stato aggiunto qualcosa di troppo.

Riferendosi ad una scena in cui uno dei due personaggi principali, Stephen Dedalus, sta camminando lungo la spiaggia di Sandymount, Joyce ha scritto: «Ineluctable modality of the visible: at least that if no more, thought through my eyes. Signatures of all things I am here to read» che tradotto sarebebe «Ineluttabile modalità del visibile: almeno questo se non altro, il pensiero attraverso i miei occhi. Sono qui per leggere le segnature di tutte le cose».

Nella seconda frase è stato inserito un that di troppo che ha fatto letteralmente infuriare i fan dello scrittore. Il conio è limitato a 10mila unità ed è in vendita presso la sede della banca nel centro di Dublino, a €46 euro.

 

Altre risorse interessanti

Hai trovato utile questo articolo?
0/50 voti