Margaret Thatcher

Muore Margaret Thatcher, ex Primo ministro

L’ex primo ministro britannico, Margaret Thatcher è morta all’età di 87 anni a seguito di un ictus, da anni era affetta da Alzheimer.

Conosciuta come la “Lady di ferro”, Margaret Thatcher è stata il leader del partito conservatore dal 1979 al 1990, unica donna e il più longevo Primo Ministro a ricoprire questa carica. Dure le sue posizioni durante gli H-Blocks e detestata da una parte del popolo britannico per la sua spietata repressione nei confronti dei sindacati e in particolare durante lo sciopero dei minatori del 1984-1985.

Margaret Thatcher, o Iron Lady, era nata a Grantham, il 13 ottobre 1925 e il 12 ottobre 1984, era scampata ad un attentato da parte dell’IRA al Grand Hotel nel Sussex località balneare di Brighton.
 
Margaret Thatcher
 

Muore Margaret Thatcher

L’ex primo ministro britannico, Margaret Thatcher è morta all’età di 87 anni a seguito di un ictus, da anni era affetta da Alzheimer. Nel 1981 i troubles infuocavano l’Irlanda del Nord. L’intransigenza del governo di Margaret Tahtcher e la dirty war messa in atto dalle British Crown Forces sommate alle condizioni sociali in cui versavano i ghetti cattolici ebbero come risultato quello di elevare il livello di scontro fra il movimento repubblicano irlandese e lo stato britannico: teatri di tale battaglia non furono solo le strade di Belfast e Derry o le campagne del South Armagh, ma anche le grigie celle delle carceri nordirlandesi.

Il 2006 è stato un anno importante per l’intera comunità nazionalista, un anno di celebrazioni: oltre al ricordo del novantesimo anniversario della rising della Pasqua 1916, il 5 maggio di venticinque anni fa, nell’ospedale del carcere di Long Kesh, a poche miglia da Belfast, moriva Bobby Sands.

Dopo sessantasei giorni di sciopero della fame l’allora OC dell’IRA nei blocchi H cessava la sua battaglia, all’età di soli 27 anni, trasformandosi da uomo in simbolo.

Tale esempio di dedizione totale ad una causa e l’avere utilizzato il proprio corpo quale arma di pressione politica hanno fatto si che la morte di Sands e degli altri hunger strikers polarizzassero l’attenzione non solo dell’intera società irlandese, ma di tutto il mondo. Al contrario di quanto era accaduto precedentemente per tutti gli altri decessi e fatti di sangue relativi ai troubles, la battaglia in corso nel carcere britannico venne internazionalizzata, resa pubblica e seguita quotidianamente dai media di mezzo mondo, nonostante l’ostracismo ed i vari divieti imposti da Margaret Thatcher e la guerra di disinformazione attuata dall’intero establishment di Sua Maestà.

Al tempo più di 500 prigionieri repubblicani erano detenuti in condizioni più che inumane, definite dal Cardinale Tomàs O’Fiaich, in visita a Long Kesh nell’agosto del 1978, come l’esempio più somigliante alle migliaia di senzatetto che vivevano ammassati nelle fognature degli slums ghetti, ndr) di Calcutta, in India.

 

Altre risorse interessanti

Hai trovato utile questo articolo?
0/50 voti