“Il segreto”, Jim Sheridan

“Il segreto”, nuovo film di Jim Sheridan

Sbarca nei cinema italiani il film “Il segreto” di Jim Sheridan con Rooney Mara e Vanessa Redgrave. Tratto dal romanzo best seller di Sebastian Barry, Sheridan ci porta in una cattolicissima Irlanda degli anni Quaranta con una giovane donna colpevole di un solo crimine: essersi innamorata dell’uomo sbagliato.

Il regista de “Il mio piede sinistro”, “The boxer”, “Brother” e “Nel nome del padre”, racconta un periodo buio del cattolicesimo irlandese. Una storia di ingiustizia e amore, omertà e finzione. Protagonista Lady Rose, che vive in un ospedale psichiatrico nell’Irlanda occidentale, dove è stata ingiustamente rinchiusa per 50 anni.

Quando il dottore Stephen Grene, incuriosito dal passato di questa donna, inizia a far luce sul suo caso. Viene alla luce una verità diversa da quella ufficiale. Rose si è innamorata dell’uomo sbagliato. Sullo sfondo di un periodo di forti tensioni e conflitti, “Il segreto” è il racconto toccante di un amore vero e profondo che ha continuato a vivere nonostante tutto e tutti.

Il nuovo film di Jim Sheridan: “Il segreto”

“Mi sono sentita attratta dal ruolo di Rose”, ha dichiarato Redgrave. “Si tratta di un personaggio femminile molto complesso e perché all’interno della storia esistono tantissimi livelli e tantissime altre storie. Rose una vittima non tanto della religione quanto del suo tempo. Penso che vicende come la sue siano accadute a tante donne in contesti diversi. Certamente a quell’epoca in Irlanda, la religione era una fonte di forti tensioni e all’interno della comunità in cui vive Rose è in minoranza numerica. Il fatto di essere protestante la rende emarginata”.

Recentemente, al Festival del cinema irlandese a Roma, Sheridan alla domanda: “Il suo film parla di una madre la cui bambina è stata portata via dalla chiesa durante la Seconda Guerra Mondiale. Conosce persone a cui è accaduto davvero?”, ha risposto: “Purtroppo sì, mia madre possedeva un bed&breakfast dove accoglieva le persone. Ne ho incontrate molte che hanno subito abusi e sono state portate via dalle loro madri quando erano ancora bambine.

Quando gli inglesi hanno abbandonato l’Irlanda, hanno praticamente portato via tutte le case popolari e quindi non era rimasta nessuna infrastruttura. Quindi la chiesa prese il controllo della situazione e divenne influente e terribilmente corrotta. Durante quel periodo, se una donna rimaneva incinta, il suo sostentamento era un grosso problema. Era ciò di cui la chiesa aveva più paura e punivano questo in ogni modo possibile, senza alcuna remora”.

 

Altre risorse