Murales Lealista

Così come i murales nazionalisti, a Belfast sono presenti i Murales lealisti. Si tratta dei dipinti che col tempo sono diventati identità e rivendicazione delle comunità locali.

I Murales lealisti potrete trovarli nei quartieri a maggioranza protestante e fanno parte del patrimonio cittadino. Oltre a raccontare la storia di questa città, i murales di Belfast rivendicano la dignità esistenziale delle fazioni rivali, lo stile di vita, le ideologie e la diversa fede religiosa di appartenenza.

L’Irlanda del Nord è piena di immagini, ognuna delle quali regala emozioni. Si stima ci siano circa duemila murali, ma molti sono stati soppiantati dalla nuova edilizia.

 

Loyalist Murals: ecco i Murales Lealisti

La maggior parte dei Murales lealisti che vedrete in queste foto si trovano a nord, più precisamente nel quartiere di Shankill. Il nome della zona prende il nome dall’ononima strada che attraversa l’area: Shankill Road, una delle arterie principali della città sulla quale vive la più numerosa comunità protestante. Un’altra zona lealista da visitare è Short Strand, più precisamente fate riferimento alle strade Newtownards Road e Albertbridge Road. Altri quartieri dove sono presenti i murali sono Sandy Row, dove si erge il murale “You are now entering loyalist Sandy Row” in risposta al celebre messaggio ai murales di Derry, nel dettaglio all’opera posta all’ingresso della città di Derry “You are now entering Free Derry“. Ancora segnaliamo Broadway, tra il Royal Victoria Hospital e l’ospedale cittadino, a sud-ovest del centro.

 

Prenota un tour

Prenota subito un tour e scopri i murales da vicino.

Rimozione dei Murales Lealisti

Col passare del tempo si rinnovano gli appelli a non cancellare i Murales Lealisti. Dagli ultimi dati emersi dall’agenzia governativa Housing Executive, i murales lealisti dovrebbero ammontare a 146 contro i 43 repubblicani. Ma a quanto pare il sondaggio che snocciola tali numeri sembra essere ampiamente contestato da diversi membri. Ciò che è certo è che questi dipinti, così come quelli nazionalisti, raccontano la storia dell’Irlanda del Nord e la Bloody Sunday.