È la più antica biblioteca di Belfast: la Linen Hall Library si trova nel centro storico cittadino ed è considerata un’istituzione unica, fondata nel 1788 da un gruppo di artigiani. Col passare degli anni, la libreria ha iniziato ad acquisire libri, con una particolare attenzione ai temi irlandesi.

Nel 1802 la Linen Hall Library si trasferì in una sede permanente, ma successivamente ebbe una nuova battuta d’arresto, in quanto il vecchio edificio (nella foto in alto), dovette lasciare posto al municipio. E così la biblioteca si trasferì in un magazzino a Donegall Square. Nello stesso periodo, la raccolta dei testi è diventata più ambiziosa.



Il rischio di chiusura della Linen Hall Library arrivò in combinazione con alcuni attentati dell’Ira. Entro la fine del 1970, la Biblioteca si ritrovò sull’orlo del fallimento, con grandi quantità di materiale, tra cui una vasta raccolta relativa ai Troubles, ma con un povero edificio, pochi utenti e seri problemi di soldi. In più, anche il Dipartimento della Pubblica Istruzione minacciò di ritirarle la concessione.

L’antica libreria: Linen Hall Library

Donegall Square

Old Linen Hall Library

Dopo il 1980, iniziò una lotta per salvare la Linen Hall Library. L’ingresso al pubblico gratuito e la concentrazione sugli studi irlandesi, politica e cultura, fu la mossa giusta per il rilancio della libreria. E così, il numero degli abbonati è iniziato a crescere e la biblioteca assunse un ruolo centrale e culturale. Considerando gli spazi ridotti, si passò ad esplorare varie opzioni, prima di investire sull’affitto dei piani superiori, per 999 anni, e del terreno confinante. Da qui, seguì una vasta campagna di raccolta fondi per pagare lo sviluppo di questa nuova proprietà. La costruzione iniziò nel 1999 e fu completata in tempo per l’apertura del 16 settembre 2000.

Oltre a fornire un servizio pubblico, gratuito, la Linen Hall Library ospitò diverse collezioni speciali, periodici e giornali risalenti fino al 1738 e una grande varietà di materiale manoscritto. Al suo interno ci sono conservate una vasta collezione di mappe, alcune di grande interesse storico, e materiali estesi nella lingua irlandese. Negli scaffali è presente materiale sulla questione nordirlandese.

Hai trovato utile questo articolo?
5/51 voto