Orange Volunteers

Orange Volunteers è un gruppo paramilitare lealista formatosi agli inizi degli anni ’70. L’organizzazione è affiliata all’Ordine di Orange.

Il gruppo Orange Volunteers è guidato da Bob Marno, un ex militare. Agli inizi il gruppo era la seconda organizzazione paramilitare lealista più grossa dopo la UDA. Successivamente, l’Orange Volunteers è stato anche affiliato alla UVF. Ha partecipato allo sciopero del 1974 indetto dall’Ulster Workers Council e a quello del 1977 indetto dai lealisti nordirlandesi. Si pensò ad un certo punto che l’OV non esistesse più dagli anni ’80.

Durante il 1998 un gruppo paramilitare lealista rivendicò una serie di attentati nei confronti di famiglie cattoliche utilizzando il nome Orange Volunteers. Si ritiene che il nuovo gruppo sia composto da dissidenti di altre organizzazioni paramilitari lealiste contrarie agli Accordi di Pace del Venerdì Santo, tra cui membri della LVF e della UDA/UFF.

L’Orange Volunteers venne allo scoperto più o meno nello stesso periodo dei Red Hand Defenders (RHD).
La polizia ha espresso l’opinione che i membri degli OV siano gli stessi dei RHD. Il 19 gennaio 1999, durante una conferenza stampa alla radio BBC Ulster, il leader del Progressive Unionist Party David Ervine, dichiarò che l’OV era composta in larga misura da membri della LVF. Aggiunse poi che si trattava di una combinazione di estremisti protestanti e di spacciatori di droga.

Gli OV e i RHD sono le organizzazioni paramilitari nate più di recente. Entrambe sono uscite allo scoperto nel 1998. Ad oggi i membri potrebbero aggirarsi intorno alle 20-30 persone, molte delle quali esperte nella fabbricazione di ordigni esplosivi. Entrambe le organizzazioni hanno fatto largo uso nei loro attentati di pipe-bombs prodotte artigianalmente. Pare che siano in possesso anche di granate e pistole.

Hai trovato utile questo articolo?
0/50 voti