Red Hand Commando

Il Red Hand Commando è un piccolo gruppo paramilitare lealista affiliato alla UVF fondato nel 1972 e conta su un piccolo numero di sostenitori soprattutto nell’area est di Belfast, come Sandy Row e in parte della contea di Down. Il gruppo è stato dichiarato illegale nel 1973.

Il Red Hand Commando fa parte del Combined Loyalist Military Commando (CLMC). Si ritiene che anche il Loyalist Retaliation and Defence Group (LRDG) sia affiliato al RHC. Nel 1991 il LRDG è stato coinvolto in una campagna di attentati contro negozi cattolici. Nello stesso anno alcuni suoi membri hanno ucciso i gestori di due edicole nel quartiere cattolico di Belfast ovest. Nel 1992 il LRDG ha compiuto altri attacchi contro diverse famiglie cattoliche.

Sinonimi dell’organizzazione Red Hand Commando: Loyalist Retaliation and Defence Group (LRDG).

 

The Red Hand Commando

The Red Hand Commando è un piccolo gruppo paramilitare lealista segreto dell’Ulster nell’Irlanda del Nord, che è strettamente legato all’Ulster Volunteer Force (UVF). Il suo scopo era combattere il repubblicanesimo irlandese – in particolare l’esercito repubblicano irlandese (IRA) – e mantenere lo stato dell’Irlanda del Nord come parte del Regno Unito.

Durante i Troubles, Red Hand Commando ha ucciso 13 persone, di cui 12 civili e uno dei suoi membri. Tuttavia, è noto che alcuni omicidi sono stati commessi da altri gruppi lealisti e poi attribuiti, con il beneplacito dell’organizzazione, a loro. In merito al nome, Red Hand of Ulster è unica tra i paramilitari lealisti per l’uso di un motto in lingua irlandese, Lamh Dearg Abu, che significa ‘mano rossa per la vittoria’.

Ad oggi, il Red Hand Commando dalla mano rossa è l’unico gruppo paramilitare lealista a non avere avuto un informatore tra i suoi ranghi, ritenuto essere dovuto alla sua natura segreta e disciplinata.

 

Altre risorse

5/51 voto