The Curragh

Curragh è l’ippodromo, conosciuto anche con il nome “pascolo di santa Brigida“. Ci sono tante storie e leggende che raccontano le prime gare che si sono svolte in questo posto.

La parola Curragh significa luogo del cavallo da corsa. Se avete intenzione di assistere a qualche evento, consigliamo di fare una visita l’ultima domenica di giugno quando l’ippodromo apre le porte all’Irish Derby Stakes. A metà luglio, non perdetevi l’Irish Oaks, un’altra manifestazione di rilievo.

Usato come luogo di incontro durante le società pre-cristiane, iquesto luogo è avvolto in una nebbia di mitologia. La collina a nord dell’ippodromo è chiamata la collina di Allen (Almhain), punto di riferimento della mitica Fianna. La leggenda risale a circa 480 anni dC. La Santa intendeva fondare un monastero nella cittadina di Kildare, così chiese la terra al Re Alto del Leinster. Quando gli concesse il terreno, che copriva con il suo mantello, lo preso e lo spostò sull’intera pianura di Curragh.

 
Curragh
 

Curragh, cosa aspettarsi

La superficie totale del Curragh è di 4870 ettari. Questa zona è ben nota per l’allevamento e la formazione dei cavalli irlandesi. Il Tully National Stud si trova ai margini di Kildare, accanto ai famosi Giardini giapponesi. Si tratta di una zona particolarmente interessante per i botanici e gli ecologisti a causa delle numerose specie di uccelli che nidificano o che vi fanno visita. Ci sono anche molte piante rare.

Nel 1870 solo le pecore potevano pascolare in questa area, ma dopo il Trattato del 1921 le terre passarono dalla corona britannica al Curragh, che in seguito permise la recinzione di alcune parti e il divieto di far pascolare le pecore. Quest’area è riconosciuta come una delle più antiche praterie naturali in Europa, costituisce un monumento registrato sotto la National Monuments Act.

 

Altre risorse interessanti

Hai trovato utile questo articolo?
5/51 voto