Longford (in irlandese An Longfort) è una vivace città capoluogo della Contea di Longford. Chi la ama la descrive luminosa con molti servizi che vi terranno occupati. In effetti ci sono molti negozi, ristoranti, pub e altri luoghi da visitare nel centro urbano e nei dintorni.

Situata nelle midlands irlandesi, nelle aree centrali della nazione, Longford costituisce un importante snodo stradale. Da qui si possono raggiungere in meno di mezz’ora Dublino (N4), Galway (N63) e Sligo e Roscommon.



Costruita sulle rive del fiume Camlin (dall’irlandese: Camlinn, che significa “piscina storta”), che tra l’altro è un affluente del fiume Shannon, il nome Longford è un’anglicizzazione di Longphort, che significa “nave” e porto. Questo nome fu applicato a molti insediamenti irlandesi di origine vichinga e finì per significare fortezza o accampamento nella lingua irlandese, e così Longfort.

Cosa vedere a Longford

Longford

Il Camlin scorre attraverso la parte settentrionale della città di Longford e costituisce una meravigliosa esperienza da percorrere fino al centro commerciale. Dal lato opposto della città, gli escursionisti e i ciclisti possono godersi il The Royal Canal, completamente navigabile. La città vanta, inoltre, una bella selezioni di alloggi e offre degli ottimi ristorantini, pub e locali di musica, oltre ad alcune eccellenti boutique e negozi.

Non perdetevi la Cattedrale e le diverse vetrate, oggetto di studi e di premi, progettata dall’architetto John Benjamin Keane, che ha progettato anche la Chiesa di San Francesco Saverio a Dublino. Da vedere nei dintorni, il Corlea Trackway Visitor Centre a Keenagh e una serie di dolmen a Aughnacliffe e Cleenrath, a circa 8 km a nord di Ballinalee.

Il periodo migliore per visitare Longford è sicuramente in concomitanza con il Johnny Keenan Banjo Festival: quattro notti di concerti, workshops, sessions e jams.

Dove dormire a Longford? Prenota subito e dormi in città!



St Mel’s Cathedral

Longford Cathedral

La Cattedrale di San Mel, in stile neoclassico, è la più famosa attrazione di Longford e vale la pena visitarla. Si tratta di una Cattedrale cattolica, sede della diocesi di Ardagh. La prima pietra è stata posata il 19 maggio 1840, mentre i lavori sono stati condizionati dalla Grande Carestia. Così il progetto dell’architetto Keane fu concluso nel 1856, con forte ritardo rispetto ai pronostici. Il campanile, disegnato da John Bourke, è stato aggiunto nel 1860 e il portico, disegnato da George Ashlin nel 1889. La consacrazione risale, invece, al 1893.



Nel giorno di Natale del 2009, Longford pianse la Basilica che andò distrutta a causa di un incendio accidentale. Il 18 settembre 2011 le rovine della Chiesa furono rese accessibili e nel 2014 la struttura ebbe nuova vita. La cattedrale restaurata, che esternamente si ispira alla chiesa della Maddalena a Parigi, al Pantheon e alla Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma, è stata riaperta al pubblico.

Interni

Una volta all’interno della Cattedrale di Longoford ammirate le vetrate di Harry Clarke, l’arredamento (1975) di Ray Carroll, che comprende l’arazzo dietro lo scranno del vescovo e sopra il fonte battesimale. Dopo il restauro è possibile ammirare un altare in marmo scolpito da Tom Glendon, un tabernacolo d’argento creato da Imogen Stuart e Vicki Donovan, un organo a canne dei Fratelli Ruffatti e le vetrate disegnate da un prete domenicano.

St. Mel's Cathedral, Longford
Hai trovato utile questo articolo?
5/57 voti