Monasterboice

Le rovine storiche di Monasterboice, in irlandese Mainistir Bhuithe, appartengono a un insediamento paleocristiano nella Contea di Louth, vicino la città di Drogheda. Il villaggio fu fondato alla fine del V secolo da Saint Buithe, che morì intorno al 521, e fu un importante centro di religione e di apprendimento fino alla fondazione della vicina abbazia di Mellifont nel 1142.

L’edificazione di Monasterboice, infatti, risale al tardo secolo V dopo Cristo, ed è stato in passato un prestigioso centro religioso e culturale irlandese. Il massimo splendore si ebbe nel periodo concomitante la morte del suo fondatore. Peccato che oggi i resti siano in rovina.

Una volta a Monasterboice troverete due chiese costruite nel XIV secolo, una torre circolare in pietra e numerose croci celtiche. Gli elementi più celebri del sito sono proprio le grandi e pregevoli croci datate X secolo.

 

Edifici e torre

La torre di Monasterboice, alta 35 metri è in buone condizioni, ma non è possibile entrarci. Stando a quanto si racconta, la costruzione sarebbe stata un rifugio per i monaci in caso di razzie vichinghe, sebbene in tanti smentiscono questo aspetto. Del monastero, al contrario, rimane ben poco. Negli anni, a causa degli strati di terreno che si sono accumulati le arcate sono quasi completamente coperte. Una volta a Monasterboice, guardatele con attenzione perché si trovano quasi al livello del suolo.

Le croci di Monasterboice

Monasterboice è celebre per la Croce di Muiredach, conosciuta come High Cross, che sfiora con la sua altezza i 5,5 metri, ed è considerata nella sua categoria la croce più bella dell’isola. Deve il suo nome ad un abate, Muiredach mac Domhnaill, che morì nel 923 e mostra numerosi e ben conservati rilievi del Nuovo e Vecchio Testamento. Le Croci settentrionale e occidentale di Monasterboice non dovevano essere inferiori, originariamente a livello di bellezza, dato che ancora oggi fanno la loro bella figura nonostante abbiano risentito degli effetti meteorologici.

 

Altre risorse