Giant’s Causeway(Foto di hhach, Pixabay)

Sono una forza della natura, uniche e rare. Non occorre fare molta strada, sia da Belfast sia da Dublino sono facilmente raggiungibili con qualche ora di auto. Situate in Irlanda del Nord, la località si trova nelle vicinanze di Portballintrae, Bushmills e Coleraine, stiamo parlando delle Giant’s Causeway: 40 mila colonne prismatiche di basalto, talmente ordinate da non presentare interstizi tra i singoli pezzi. Sulle maggiori guide turistiche potrete trovarle anche con il nome di Selciato del Gigante.

Considerate da sempre il paradiso del Nord dell’Irlanda, le Giant’s Causeway formano una scala oltre a un anfiteatro a gradini. Sembrano quasi una costruzione realizzata dall’uomo, se non fossero gli studiosi a dare una spiegazione logica a cotanta bellezza. Si tratta di rocce modellate dalla natura, che si sono formate per via dei bruschi raffreddamenti di calate laviche.

Durante una passeggiata lungo le Giant’s Causeway è possibile scorgere l’Organo, Port Reostan, Runkerry Circuit, il Castello di Dunseverick e la Porta del Gigante. Il alcuni casi si tratta di figure che vanno cercate tra le rocce. Levigate da milioni di anni dagli eventi meteorologici, queste formazioni naturali richiamano varie immagini. Oltre a quelle appena citate sottolineiamo lo “Stivale del Gigante”, ma anche gli “Occhi del gigante”, colonne più rossastre e più basse create da effusioni diverse di basalto. Ci sono inoltre i “Gradini di Shepherd”, l'”Alveare”, uno dei punti più caratteristici proprio a ridosso dell’oceano e l'”Arpa del Gigante”. Ancora i “Chimney Stacks” (la pila di ciminiere), alte colonne di basalto che svettano in cima alle scogliere, il “Cancello del Gigante” all’entrata dalla strada e la “Gobba del Cammello”.

 

Indice

 

La formazione del Selciato del Gigante

Occorre dare un tuffo nel passato per scoprire la formazione delle Giant’s Causeway. In particolare, bisogna far tornare il calendario a sessanta milioni di anni fa, quando l’intera contea di Antrim fece registrare un’intensa attività vulcanica che provocò l’intrusione del basalto fuso e molto fluido attraverso dei letti di gesso, formando un vasto plateau lavico. La lava, a contatto con l’acqua e l’atmosfera, si raffreddò rapidamente dando vita alle colonne esagonali basaltiche. Rimasto nell’ombra, questa meraviglia della natura fu scoperta nel 1693, quando un membro del Trinity College di Dublino, Sir Richard Bulkeley mise nero su bianco quanto aveva visto. Ma la realtà non è sempre creduta e in quell’epoca la fantasia non conosceva limiti. Così venne fuori dell’esistenza di un gigante o di uomini che avrebbero picconato le rocce. Fu il francese Demarest nel 1771 a stabilire l’eruzione vulcanica che diede origine al fenomeno.

 

Flora e fauna

Le Giant’s Causeway ospitano una folta quantità per uccelli marini, per questo è accreditata come luogo ideale per il birdwatching. Non sarà difficile scovare il fulmaro, i procellariformi, il cormorano, l’uria e la gazza marina. Tra le fessure presenti fra le rocce dominano piante rare come l’asplenio, il trifoglio zampa di lepre, la scilla verna, la festuca marina ed il celoglosso verde.

 

La leggenda delle Giant’s Causeway

Quando è così difficile attribuire l’origine di un fenomeno naturale, non si può che ricorrere a delle leggende metropolitane. E così anche il Selciato del Gigante vanta la sua. Riguarda il gigante Finn McCool, che avrebbe costruito questa ‘sorta’ di scala per arrivare a piedi in Scozia e combattere il gigante rivale, Angus. Ma questa è soltanto una delle versioni, se vogliamo meno grottesca dello “Stivale del Gigante”.

La storia narra che Finn cadde in un sonno profondo prima di raggiungere la Scozia, dunque Angus che doveva battersi con lui andò a cercarlo. La moglie Oonagh coprì con un drappo il marito Finn (pare che lui glielo avrebbe suggerito) e pretese di convincere il rivale che in realtà quello fosse il loro bambino. Angus associando la mole del “bambino” alla stazza di come sarebbe potuto essere il padre, scappò terrorizzato distruggendo il selciato per evitare di essere inseguito. Chiaramente, gli scozzesi potrebbero avere altri suggerimenti su come si sarebbero formate le Giant’s Causeway.

 

Dove si trova il Selciato del Gigante

L’affioramento roccioso si trova sulla costa nord est irlandese a circa 3 km a nord della cittadina di Bushmills, nella contea di Antrim. Tra le Top 10 dell’Irlanda del Nord, l’attrazione di 40 mila colonne basaltiche di origine vulcanica è raggiungibile in pullman. Fate riferimento alla linea costiera Coleraine-Belfast, soprattutto se non disponete di un mezzo di locomozione. Per avere ulteriori informazioni è possibile contattare il Visitor’s Centre, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 17. L’Ente risponde al numero telefonico +353 (028) 20731855. Inoltre, se avete intenzione di dormire nella zona, prenotate una struttura nelle vicinanze delle Giant’s Causeway.

 

Come arrivare alle Giant’s Causeway

In auto. Poco più di 3 km da Bushmills. Poco meno di 7 km da Coleraine. Circa 8 km da Ballycastle. Tempi di percorrenza in auto: Da Belfast 1 ora e 25 minuti; da Londonderry 1 ora e 10 minuti; da Dublino 3 ore e 45 minuti. Parcheggio di interscambio disponibile dal villaggio di Bushmills, da marzo a ottobre. Il servizio “Park and ride” è operativo ogni 20 minuti circa. Coordinate per cartine e navigatori satellitari. Centro visitatori C944439; Navigatori satellitari BT57 8SU Parcheggio di interscambio C94104 41034; Navigatori satellitari BT57 8SE.

In autobus. Linee autobus con servizio regolare. Alcune linee sono stagionali. Ulsterbus Service 172; Goldline Service 221; Causeway Rambler Service 402; Open top Causeway Coast Service 177 (autobus scoperto); Antrim Coaster Service 252. Per ulteriori informazioni: translink.co.uk. In treno. Linee ferroviarie con servizio regolare da Belfast o Londonderry a Coleraine, poi cambio con linea di autobus – Ulsterbus Service 172. In bicicletta NCN93, visitare i siti cycleni.com o sustrans.org.uk.

 

Orari di apertura

Innalzandosi e armonizzandosi perfettamente nel paesaggio con le sue pareti di vetro, il Centro Visitatori del Giant’s Causeway è una struttura innovativa. L’edificio, che risponde ai criteri di efficienza energetica, vanta diversi spazi espositivi e un tetto ricoperto da un manto erboso con viste a 360 gradi sulla costa. Esplorate i suoi spazi interattivi, guardate Finn McCool sul grande schermo e scoprite tutti i segreti di questo emozionante paesaggio.

  • Gennaio: dalle 9 alle 17
  • Febbraio e marzo: dalle 9 alle 18
  • Aprile, maggio, giugno: dalle 9 alle 19
  • Luglio, agosto: dalle 9 alle 21
  • Settembre: dalle 9 alle 19
  • Ottobre: dalle 9 alle 18
  • Novembre e dicembre: dalle 9 alle 17
  • Chiusura: 24, 25, 26 dicembre

 

Tour alle Giant’s Causeway

Prenota un tour panoramico alle Giant’s Causeway.

 

Altre risorse

Hai trovato utile questo articolo?
4.9/550 voti