Tory Island

Tory Island, in gaelico Oileán Thoraigh, è un’isola irlandese situata a 12 chilometri a largo delle coste settentrionali della Contea di Donegal: si estende per circa 5 Km di lunghezza e ampia 1 Km, con una popolazione che si può contare sulle dita e quattro centri principali che sono An Baile Thoir, An Baile Thiar, An Lár e Úrbhaile.

La particolarità di Tory Island sta nel fatto che si parla il gaelico. Inoltre, il villaggio è un frequente ritrovo di artisti che mettono in mostra le proprie opere. L’inglese naturalmente è accettato.

Se voleste fare un salto su Tory Island fatelo durante i mesi estivi. In inverno, con il mare grosso, per gli spostamenti potrebbe servire un elicottero.

 

Visitare Tory Island

Dún Bhaloir è uno dei punti più suggestivi di Tory Island, dove ad attendervi ci sarà esclusivamente la natura selvaggia e il vero Donegal. La storia racconta che, secondo il libro di apocrifa irlandese Lebor Gabála Érenn, Toraigh era la sede della torre di Conand, roccaforte delle popolazioni fomoriane, sconfitte poi da quelle nemediane. Questa penisola è circondata su tre lati da scogliere alte 90 metri e il forte è accessibile solo attraversando uno stretto istmo, difeso da quattro argini di terra.

Da non perdere la The Stone Wishing, una roccia dalla cima piatta e precipitosa, che si trova accanto alla parete rocciosa del forte. Sconsigliatissimo a tutti il passaggio su questa pietra, che invece riscuote tanto successo perché tutti ci lanciano un sasso sperando di farlo rimanere sullo spuntone. Da vedere ancora a Tory Island, il Campanile di un monastero sopravvissuto alla distruzione, la Croce Tau che dovrebbe risalire al 12° secolo e il Móirsheisear, la tomba dei sette, sei uomini e una donna, annegati quando la loro barca si è capovolta al largo. Il Faro invece è datato tra il 1828 e il 1832 su progetto di George Halpin, noto designer di fari irlandesi.

Una vera e propria istituzione dell’isola è Patsy Dan Rodgers, un’artista a cui è stato dato l’appellativo di Re di Toraigh. Si tratta di un riconoscimento ufficioso della piccola comunità che vive sull’isola. Sfortunatamente Patsy è deceduto. In tanti hanno voluto portare in spalla, lungo le strade cittadine, il feretro.

 

Dún Bhaloir

Un Mhór Eochair, la grande chiave, è un ripido sperone sporgente sul lato orientale della penisola e termina in un dirupo chiamato An Mór Tor, grande roccia. Lo sperone ha prominenti pinnacoli rocciosi, conosciuti con il nome di “soldati di Balor” che danno allo sperone un aspetto ‘dentato’.

L’Isola sulla Mappa

Visualizza Tory Island sulla mappa.

Visualizzazione ingrandita della mappa

 

Come raggiungere l’isola

Tory Island è raggiungibile tutto l’anno (a seconda delle condizioni climatiche) tramite il traghetto: il Tory Ferry parte dal molo di Magheroarty. Il tempo di percorrenza è di 45 minuti. Per quanto riguarda le condizioni di trasporto, il costo dei biglietti per un adulto si aggira sui 25 euro. Del resto ci sono svariti prezzi a seconda della categoria di appartenenza. Ad esempio una famiglia di due persone con altrettanti figli a seguito paga 60 euro (Richiedete il Family Ticket). A bordo, naturalmente, ci sono i servizi igenici, posti a sedere all’aperto e un salone passeggeri interno riscaldato. Sono accettati l’Irish Pass Travel e il Northern Ireland Senior Smartpass. La traversata potrebbe essere intrapresa anche da Bunbeg (An Bun Beag), con un viaggio decisamente più lungo.

 

Altre risorse interessanti

Hai trovato utile questo articolo?
5/55 voti