ConnemaraFoto di AS_PHOTOGRAPHICS, Pixabay

Il Connemara è una regione di 780 km2 dell’Ovest Irlanda, che si estende su una penisola montuosa (Maumturk, 703 metri, e The Twelve Pins, 730 metri), con coste alte e articolate e con numerosi laghi, drumlins, stagni e corsi d’acqua.

La scarsa popolazione nella regione del Connemara si addensa per lo più lungo sulla costa, dove il solo centro importante è Clifden. Di tutta la selvaggia Irlanda, il Connemara è l’angolo più selvaggio” scriveva Paul Bourget nel 1881. E, naturalmente, qualcosa intendeva dire. In questo posto magico, occorre prendere le dovute accortezze, soprattutto se venite qui per fare delle escursioni. Per sopravvivere dovrete imparare due termini: Bog e Crag, che significano rispettivamente palude e rocce a picco. Per tutto il resto vi auguriamo buona fortuna!

Rinomato in tutto il mondo per i suoi bellissimi e selvaggi paesaggi, il Connemara è meta apprezzata da turisti e dagli amanti del trekker. Il Connemara è quasi completamente ricoperto di torbiere, montagne brulle, laghi, stagni e piccoli corsi d’acqua. Basta muoversi in auto sulla strada fra Westport e Clifden, dopo il paese di Letterfrack, per assaporare i colori del Parco Nazionale. Potrete intrattenervi facendo delle passeggiate sia a piedi sia a cavallo oppure praticare sport acquatici come vela o canottaggio. Scegliete le località di Clifden, Cleggan e le baie di Killary.

 

Indice

 

Cosa vedere nel Connemara

Ancora oggi il Connemara si attesta come la regione più aspra, più nascosta e più romantica del paese. Il nome, deriva dall’antico irlandese Conmhaicne Mara, che in origine indicava soltanto la baronia di Ballynahinch, nella sua accezione moderna designa la quasi totalità della contea di Galway, vasta penisola compresa tra la baia di Galway a sud, quella di Killary a nord, l’oceano a perdita d’occhio a ovest e i laghi Corrib e Mask a est. Caratteristici sono senz’altro i monti centrali ad est di Clifden, i Twelve Bens ovvero le Dodici Cime, mentre è nettamente diversa la zona costiera caratterizzata da un lungo fiordo nei pressi di Leenane, la Killary harbour, insenature e canali di varie dimensioni e moltissime isolette con caratteristici cottage isolati sopra, la più strabiliante senz’altro Omey Island.

Prenota un hotel nel Connemara. Scopri l’offerta migliore!

 

Le isole e penisole del Connemara

La zona costiera del Connemara vanta una panoramica costituita da moltissime penisole e isolette sparse. La penisola di Iorras Aintheach è la più vasta e contiene i villaggi di Carna e Cill Chiaráin; C’è la penisola di Errismore consiste nell’area ad ovest del villaggio di Ballyconneely, mentre la penisola di Errisbeg si inoltra nel mare fino al caratteristico porto di Roundstone. La penisola di Errislannan è situata poco più a sud di Clifden, mentre le restanti penisole di Aughris, Cleggan e Rinville (o Renvyle) sono le più settentrionali.

Tra le molte isole, la più grande è Inishbofin, mentre le altre degne di nota sono Inishark, High Island, Friars Island, Feenish, Mweenish e la piccola Omey, che non spiccherebbe tra gli altri tantissimi isolotti di minute dimensioni se non per il fatto che sia soggetta a maree così evidenti che la trasformano continuamente da isola a penisola.

 

Kylemore

La vostra permanenza nel Connemara dovrà prevedere la visita della Abbazia di Kylemore. Si tratta di uno degli edifici più belli e caratteristici d’Irlanda. Il complesso di trova a quattro chilometri dal centro abitato di Letterfrack, sulla N59 in direzione di Leenane ed è una residenza vittoriana in stile neogotico costruita da un ricco commerciante di Liverpool tra il 1864 e il 1868. L’edificio sorge in riva a un laghetto bordato di macchie di rododendri e rosse siepi di fucsia, tra il gruppo montuoso dei Twelve Bens e i monti Doughruagh, Altnagaighera e Garraun. Nel 1920 l’immobile venne acquistato dalle monache benedettine di Ypres, il cui monastero in Belgio era stato distrutto durante la prima Guerra Mondiale. Vi è devotamente conservata una bandiera inglese strappata al nemico dalla brigata irlandese al servizio della Francia nella battaglia di Fontenoy.

 

Connemara National Park

Il Parco nazionale del Connemara si trova un poco prima di Letterfrack. Si tratta di un’area naturale protetta dell’Irlanda occidentale caratterizzata da montagne suggestive, distese di torbiere, praterie e boschi. Tra le montagne, le abbiamo già citate abbondantemente, spiccano le Dodici Cime. Se il Connemara National Park è aperto tutto l’anno a ingresso libero, il Centro Visitatori rispetta i seguenti orari: dalle 9 alle 17.30 da marzo a novembre con ingresso libero.

Numerosi sentieri escursionistici partono dal centro visitatori e offrono agli escursionisti una varietà di percorsi panoramici e percorsi naturalistici attraverso il parco. I panorami mozzafiato della Diamond Hill, alta 400 metri, comprendono le lontane isole di Inishbofin, Inishturk e Inishshark e la turistica – sopracitata – abbazia di Kylemore. Il parco ospita anche pony del Connemara, cervi e un’enorme varietà di uccelli, tra cui allodole, stonechats e falchi pellegrini. Altri resti di epoche passate includono case diroccate, un forno a calce in disuso, vecchi recinti che servivano a contenere le pecore, una ghiacciaia, mura antiche e Tobar Mweelin, un pozzo che in passato era utilizzato per rifornire di acqua il castello di Kylemore.

Le caratteristiche del Centro visitatori del Connemara includono mostre, lo spettacolo audiovisivo multilingue “Man and the landscape” e la sala da tè (stagionale). L’ingresso al centro è gratuito ed è inoltre disponibile un programma estivo di passeggiate guidate ed eventi speciali per i visitatori più giovani.

 

Tour

Scegli di visitare il Connemara tramite un tour tutto da vivere. Godrai di tanti vantaggi e non dovrai perdere tempo a fare lunghe file e capire come funzionano le escursioni. Durante la vostra visita avrete modo di imbattervi in sentieri ben segnalati. Il loro accesso vi permetterà di immergervi sull’ampia area di montagne, laghi e torbiere dove il sole, la pioggia e il vento compongono una sinfonia di colori: il verde intenso e luminoso delle felci e dell’erba rasa il grigio dei muretti e delle rocce il marrone delle torbiere e delle estese brughiere, il colore vivo delle siepi, le falde argentate dei laghi, così numerosi che sembrano, a tratti, occupare tutto lo spazio. In questa regione selvaggia le opere architettoniche sono piuttosto rare e l’uomo ha rinunciato ad addomesticare la natura. La gente del Connemara si è adeguata ai ritmi naturali ed evitato di imporre delle regole complesse.

 

Map

Scoprire il Connemara attraverso la mappa. Identifica facilmente questo meraviglioso posto incontaminato.

Hai trovato utile questo articolo?
5/522 voti