La Contea di Clare, in irlandese An Clàr, è un territorio che custodisce le più importanti scogliere d’Irlanda. Con oltre 90 mila abitanti, l’area si presenta perlopiù pianeggiante dedita all’agricoltura, agli allevamenti bovini, alla pesca, oltre che base delle industrie tessili.

Con una costa quasi totalmente di tipo roccioso, la Contea di Clare è marcata dalle famose e suggestive Scogliere di Moher. Il panorama è molto simile nei pressi dei vicini villaggi di Doolin, Lisdoonarvana, ma anche Liscannor, dove appunto le rocce che delimitano la terra dall’acqua cadono a picco nell’oceano perpendicolarmente con altezze che superano i 200 metri.

Si tratta di una delle contee più povere d’Irlanda anche se ricchissima di storia, la Contea di Clare vanta circa 200 castelli, 150 vecchie chiese e un tavolato calcareo secondo a nessuno. Il Burren, dove Tolkien trovò ispirazione per la stesura de “Il Signore degli Anelli”, che insieme alle Cliffs sono delle attrazioni particolarmente amate dai viaggiatori di tutto il mondo.

Contea di Clare: cosa vedere

Contea di Clare

Con viste da capogiro dalla cima di alcune delle scogliere marine più conosciute d’Europa; le antiche pianure carsiche del Burren definite intergalattiche; le coste tranquille come Fanore, Lahinch e Doonbeg; questo è territorio del Clare. O meglio della Contea di Clare.

Scogliere di Moher

Le Scogliere d’Irlanda non hanno bisogno di alcuna presentazione. Sono le più celebri scogliere irlandesi che con la loro altezza raggiungono i 216 metri sul livello del mare, per poi sprofondare nell’oceano. Sono tra le attrazioni più importanti per il paese e che dovrete visitare assolutamente. Cinque chilometri tra Hag’s Head e la O’Brien Tower (1853), alta 216 metri sul mare, dall’alto della quale la vista spazia fino alle Isole Aran e ai monti del Kerry e del Connemara.

Burren

Il Burren è una vasta regione della Contea di Clare, delimitata da Lisdoonvarna, Ballyvaughan e Corrofin. Fu descritta da Ludlow come: “Una regione dove non c’è abbastanza acqua per annegare un uomo, né abbastanza alberi per impiccarlo, né abbastanza terra per seppellirlo“. Grandi rocce, piene di grotte all’interno e corsi d’acqua popolano la regione. Una meraviglia storica, geomorfica, geologica e archeologica, l’intrigante paesaggio carsico pietroso è una meraviglia per vagare, andare in bicicletta, dove poter individuare flora e fauna. Un sistema di grotte più lungo d’Irlanda, che ospita la più grande stalattite in Europa. Tutto è custodito nel geoparco riconosciuto dall’Unesco.

Bunratty Castle

Il Bunratty Castle è un’esperienza unica che può richiedere anche un’intera giornata. Tra le attrazioni più visitate della Contea di Clare, il visitatore potrà familiarizzare con l’Irlanda del 19° secolo. Persone di diversa estrazione sociale e classe sociale: incontrerete pescatori o allevatori di suini, fabbri e dottori.

Grotte di Aillwee Cave

La grotta di Aillwee è una delle grotte carsiche del Burren formatasi per effetto dello scioglimento delle acque glaciali che, erodendo il terreno, hanno scavato un fiume sotterraneo. Sono situate nella parte sottostante del Parco Nazionale del Burren, nella Contea di Clare.

Fanore

Fanore è una vasta spiaggia sabbiosa situata vicino a un piccolo villaggio sul mare sulla costa nord-occidentale della contea di Clare. La zona è particolarmente amata dagli escursionisti, surfisti, turisti ed è particolarmente interessante per i botanici, grazie alla sua posizione ai margini del Burren, rinomata per la sua flora e fauna uniche.

Scattery Island

Visita la disabitata e incontaminata Scattery Island: un tuffo in un’altra epoca. Scoprirai storie e leggende sconosciute e sarete lontani dal caos. La breve navigazione verso l’isola è il momento per scoprire località quasi sconosciute: come il pittoresco villaggio di Cappa e la più minuscola isola di Hog.

Black Head

Black Head è una località della Contea di Clare ed è raggiungibile da Fanore con una passeggiata di circa due ore. Da qui potrete osservare le Aran, il Connemara e la baia di Galway.

Dolmen di Poulnabrone

Il dolmen di Poulnabrone, in gaelico Poll na mBrón, è conosciuto anche come “buco dei dolori” ed è l’antica tomba megalitica preistorica che si trova nella Contea di Clare.

Lahinch

Lahinch è una stazione balneare, meta ambita dai surfisti e negli anni è diventato uno dei punti di ritrovo per gli amanti della tavola e soddisfa anche gli amanti del golf, con un campo da gioco vista mare.

Contea di Clare: città e località principali

Ecco una carrellata di località importanti e principali cittadine della Contea di Clare. Si tratta dei centri urbani più grandi che avrete modo sicuramente di visitare durante il vostro soggiorno in questa zona come Ennis, Ennistymon, Kilfenora, quest’ultima conosciuta per le sue magnifiche croci celtiche, tanto da essere chiamata anche ‘The city of the Crosses‘.

Doolin

Doolin, tradotto letteralmente in “stagno nero”, è un minuscolo porto di pescatori che si affaccia sull’Atlantico e dista solo 8 Km da Lisdoonvarna. Da qui ci si può imbarcare per le Aran o raggiungere le Cliffs. Negli ultimi anni la cittadina si riempe di turisti.

Lisdoonvarna

Lisdoonvarna, località conosciuta per le cure termali, è famosa per il festival dei single il Match Maker Festival. Tradotto, è la festa per eccellenza nella Contea di Clare dove si cerca la propria anima gemella mentre si tracanna birra.

Coste e insenature del Clare

La costa del Clare è quasi totalmente di tipo roccioso, a volte marcata e precipitosa in maniera drammatica come dimostrano le Moher, nei pressi Doolin, Liscannor e Lisdoonarvana. Ci sono varie insenature e le principali sono quelle di Ballyvaghan, Liscannor e Malbay; ma da Black Head a Loop Head, ovvero gran parte dei confini atlantici della contea, non c’è una zona adatta all’attracco eccetto la Baia di Liscannor. Malbay, del resto, prende il nome dai pericoli che offre ai naviganti, e l’intera baia è stata teatro di numerosi disastri navali spesso fatali.