La penisola di Dingle è il punto più occidentale d'Irlanda e si tratta di un posto incantevole, contornato di scogliere e villaggi colorati.

La penisola di Dingle è il punto più occidentale d’Irlanda e si tratta di un posto incantevole, quasi un tuffo nell’Oceano, contornato di scogliere, villaggi colorati e posti fatati.

La penisola di Dingle si trova nel famoso Ring of Kerry e racchiude dei posti incantevoli e molto apprezzati dal turismo di massa e dagli amanti degli sport acquatici. Dai piccoli edifici in pietra alle rovine dei primi cristiani, gli affacci sulle scogliere spingono l’occhio a individuare facilmente le isole Blasket, il paesino di Ballyferriter, l’oratorio e il Castello di Gallarus e Ballybrack. In un giorno di pioggia e di nebbia è consigliata un’escursione al Connor Pass, da dove è possibile ammirare la maestosa grandiosità del Brandon Mountain (953 metri).


La visita alla Penisola di Dingle

Penisola di Dingle, Irlanda

Strade strette e un paesaggio aspro e antico mette in fila piccole città e insenature sabbiose: la Penisola di Dingle è piena di negozi, di pescatori che tornano a riva con il pesce fresco e grande animazione nei pub dove oltre alla musica tradizionale si può ascoltare il gaelico. Questo posto incantevole, a tratti chiassoso e che concede tanto divertimento vanta un litorale amato dai vacanzieri, è conosciuto in tutto il mondo e ricercato. Da Dingle Town alle capanne in pietra lungo la strada che unisce Ventry, 7 chilometri a ovest di Dingle, a Slea Head. Dalle incantevoli scogliere della Peninsola al Celtic Museum e il forte risalente all’età del ferro denominato Dunbeg Fort. Dalle gite in auto percorrendo la Slea Drive fino a raggiungere il Gallarus Oratory (una cappella a forma di barca rovesciata) e il sito religioso Kilmalkedar Church. L’incantevole Penisola di Dingle accoglie il sentiero di pietre a Ballybrack, che si chiama The Saint’s Road, il tanto apprezzato Connor Pass, il ponte di pietra sulla strada tra Camp e Aughils e le rovine di Minard Castle.