Solstizio d'inverno a Newgrange

In centinaia si danno appuntamento alla tomba neolitica di Newgrange e celebrano il solstizio d’inverno. Vivere il fenomeno in Irlanda significa proprio questo: partecipare alla lotteria, sperare di vincere l’accesso alla camera funeraria oppure restare fuori e in qualche modo sentirsi parte della Terra. Uno spettacolo meraviglioso che consigliamo di vivere almeno una volta nella vita. Fermatevi a contemplare quel raggio di sole che per qualche minuto, prima delle 9, illumina la camera del tumulo.

“È stato spettacolare”, “meraviglioso”, “strepitoso”, sono le frasi pronunciate da coloro che sono riusciti ad assistere al solstizio d’inverno all’interno della camera. Riportando una delle tante testimonianze, citiamo quella di Edel Reilly. Dopo aver assistito all’avvenimento ha definito così l’esperienza misteriosa: “Eravamo in piedi al buio e poi all’improvviso è arrivato uno splendido fascio di luce dorata. È stato incredibile”, ha raccontato la studentessa della Contea di Monaghan.

Sarà per via del posto, per ciò che rappresenta, e per il fascino che Newgrange, come di Dowth, da sempre costituiscono nella storia irlandese ed Europea. L’area continua a stupire e ad attrarre migliaia di visitatori, che ogni anno decidono di far visita al sito megalitico situato nella Contea di Meath. Non è un caso che i resti di costruzioni di cinquemila anni fa siano ancora così attualmente interessanti. Fatte le premesse e raccontato in breve dove poter assistere al fenomeno, continuiamo la lettura cercando di comprendere cosa sia il Solstizio d’inverno.

 

Indice

 

Cos’è il Solstizio d’inverno?

In astronomia è definito Solstizio d’inverno il momento in cui il Sole raggiunge, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, il punto di declinazione massima o minima. Il giorno più corto dell’anno. Il fenomeno è dovuto alla inclinazione dell’asse di rotazione terrestre rispetto all’eclittica. Il valore di declinazione raggiunta coincide con l’angolo di inclinazione terrestre e varia con un periodo di 41 mila anni tra 22,1° e 24,5°. Attualmente è di 23°27′ e l’angolo è in diminuzione.

Durante il Solstizio, il Sole raggiunge il valore massimo di declinazione positiva nel mese di giugno in occasione di quello estivo boreale. Raggiunge il massimo valore di declinazione negativa in dicembre, in occasione del Solstizio d’inverno boreale, corrispondente all’estate nell’emisfero australe. Da un esame di una tabella dei tempi, si può verificare che il fenomeno ritarda di circa sei ore ogni anno. Abbiamo per l’esattezza: 5 ore, 48 minuti e 46 secondi, salvo subire un nuovo riposizionamento indietro ogni quattro anni. In conseguenza degli anni bisestili, introdotti proprio per evitare un progressivo disallineamento delle stagioni con il calendario. A causa di queste variazioni può capitare che il solstizio astronomico cada nell’emisfero boreale il 20 o il 21 giugno in estate, oppure il 21 o 22 dicembre durante l’inverno.

 

Posizione del sole

Per spiegare il Solstizio d’inverno bisogna porsi sulla verticale di ogni punto tra le latitudini 23° 26′ 14,44” Nord (tropico del Cancro) e Sud (tropico del Capricorno) il Sole raggiunge lo zenit due volte l’anno. Ciò significa che su ogni luogo tra i due tropici, due giorni all’anno, il Sole è a perpendicolo al mezzogiorno locale. Nel caso particolare in cui il Sole sia allo zenit all’equatore si parla di equinozio (in quanto i raggi solari giungono perpendicolari all’asse terrestre e la durata del periodo di luce è uguale a quella notturna). I punti sui tropici sperimentano il sole al proprio zenit una sola volta l’anno, in corrispondenza dei solstizi (al tropico del Cancro per il solstizio di giugno, a quello del Capricorno per quello di dicembre).

Le latitudini comprese tra ciascun tropico e il relativo polo non hanno mai il Sole allo zenit.

Nell’emisfero boreale, al mezzogiorno locale del solstizio di giugno il Sole raggiunge l’altezza massima possibile sull’orizzonte per quella latitudine. Mentre in quello di dicembre raggiunge l’altezza minima. Nell’emisfero australe al mezzogiorno locale del solstizio di giugno il Sole raggiunge l’altezza minima possibile sull’orizzonte per quella latitudine, mentre in quello di dicembre raggiunge l’altezza massima. Nel tardo Impero romano, proprio riferendosi al solstizio d’inverno, si parlava di Sol Invictus (Sole invitto) per celebrare il giorno in cui il Sole smetteva di calare sull’orizzonte.

 

Il Sole di mezzanotte

Nelle località comprese tra i circoli polari e i poli, durante il periodo in luce del relativo emisfero il Sole arriva a rimanere sopra l’orizzonte anche per più di 24 ore consecutive. Fino a diversi mesi in prossimità dei poli. Questo avviene nel periodo compreso tra l’equinozio di marzo e quello di settembre nell’emisfero boreale, e al contrario tra l’equinozio di settembre e quello di marzo nell’emisfero australe. La durata del fenomeno varia in base alla latitudine. Esattamente ai poli (90° di latitudine) il Sole non tramonta per metà dell’anno. A 80° (sia nord sia sud) per 140 giorni consecutivi, a 70° per 70 giorni. Il solstizio d’estate è l’unico giorno in cui il Sole non tramonta per le località poste sui circoli polari (66° 33′ 38″ N e S di latitudine), latitudine inferiore limite di visibilità del fenomeno.

 

Quando assistere al Solstizio d’inverno

Lo abbiamo già detto e vogliamo ripeterlo ancora. Il sito dove assistere al Solstizio d’inverno è Newgrange. La località si trova a Donore nel Meath. A causa di tali variazioni può capitare che i solstizi cadano il 20 o il 21 giugno oppure il 21 o il 22 dicembre. Nel caso viaggiaste in auto avrete certamente bisogno delle coordinate GPS per raggiungere la località. Prendete nota dei seguenti riferimenti: Latitudine 53.694567; Longitudine -6.4463. Come accennato poc’anzi, per visitare la camera funeraria durante il Solstizio è obbligatorio partecipare a una lotteria. Le autorità locali hanno escogitato un metodo che si affida alla dea fortuna. Tutto ciò è per far fronte alla mole di richieste che ogni anno arrivano da ogni parte del mondo.

Scopri l’Irlanda mitologica e megalitica!

Hai trovato utile questo articolo?
5/59 voti