La Guinness alla spina è la stout più venduta al mondo. Cosa vuole dire stout? Perché la birra è scura e quali sono le birre stout famose?

Una pinta di Guinness

Dire Stout significa pensare immediatamente alla birra Guinness, che sembra nera anche se in realtà non lo è. Il mercato irlandese delle birre Stout è fiorente e ci sono altri marchi meno noti della Guinness che commercializzano le birre scure.

Cos’è la stout?

La stout è una birra forte, scura, ad alta fermentazione e dal sapore pieno. La gradazione alcolica della birra stout può variare tra 4% e il 14%. Solitamente la definizione che più si avvicina alla birra scura è robusta con note pronunciate di aromi di caffè. Le stout sono famose per i loro sapori di malto dorzo tostato e lamaro equilibrato.

Che sapore ha la Stout?

Le diverse stout sul mercato hanno in comune il colore scuro e si differenziano proprio per il gusto. Il malto d’orzo tostato è in assoluto il protagonista e causa del colore, del sapore astringente con un aroma caratteristico di cenere. Principalmente le stout si suddividono in due categorie “milk stout” e “dry stout”. Le prime sono addolcite con lattosio, offrendo un sapore dolce, mentre le secche appartengono alla categoria di birre irlandesi: le Irish Stout.

Varianti di Stout

Oltre alle “milk stout” e “dry stout” ci sono delle varianti note a base di farina d’avena, ostrica, cioccolato e Imperial stout. Ad oggi ci sono una moltitudine di sottocategorie di porter e stout. Alcune più comuni sono la English Porter (Fuller’s London Porter ), American Porter (Deschute’s Black Butte), Baltic Porter (Jack’s Abby FramingHammer), Irish Stout (Guinness, Beamish, Caffrey’s, Murphy’s), Sweet Stout or “Pastry Stout” (Left Hand Milk Stout, Trillium Macaroon), American Stout (Bell’s Kalamazoo Stout) e Russian Imperial Stout.

Stout di farina d’avena

L’avena è sinonimo di cereali, ingrediente che aggiunge sapore amaro alla birra. L’elemento fa parte della categoria milk stout ed è giudicato come nutriente e salutare. La farina di avena è aggiunta durante il processo di fermentazione in quantità limitata, al di sotto del 30%, proprio per non rendere troppo amara la birra. Le più recenti versioni di birre stout utilizzano non più dello 0,5%.

Oyster Stout

Ostriche e birra, un connubio che in Irlanda è molto apprezzato. Negli anni passati i gusci di ostrica sono stati utilizzati per chiarificare la birra stout. venivano aggiunti alla birra scura per chiarirla. Merito della polvere di conchiglia d’ostrica, più comunemente conosciuta come carbonato di calcio. Oggi alcune varietà delle oyster stout utilizzano solo le conchiglie, mentre altre utilizzano sia le conchiglie sia la carne di ostrica.

Stout al cioccolato

La Chocolate Stout utilizza malti scuri tostati in forno fino a ottenere il colore del cioccolato e anche un sapore e un aroma di cioccolato amaro. Alcuni birrai aggiungono piccole quantità di cioccolato per intensificarne ulteriormente il sapore e dare un tratto marcato alla birra.

Stout Imperiale

La Imperial stout è una birra russa e risale al 1698, quando lo zar Pietro il Grande fece visita in Inghilterra. Conobbe la stout porter tanto da riportarla in patria. Purtroppo il viaggio fece deteriorare la birra. Da questo episodio nacque la sfida del birrificio Barclay di Londra che inventò una scura robusta che successivamente prese il nome di “Russian Imperial stout”.

Extra Stout

Tra le stout, le Irish Stout tradizionali sono le tipiche birre irlandesi scure dall’aroma torrefatto. Non tutte le made in Ireland sono secche (dry) come ad esempio la Guinness. La extra Stout è una birra molto scura, dal corpo pieno e con un gusto moderato al caffè con note secondarie di cioccolato, cacao, biscotto, vaniglia e/o cereale torrefatto. Si presenta nera lucente mentre appare opaca la schiuma densa. Il gusto dà un finale secco con una leggera dolcezza di malto o caramello. Le Foreign Extra Stout, anche note come Export Stout, sono birre scure mediamente alcoliche e ben luppolate, destinate all’export che possono avere note fruttate e presenze aromatiche riconducibili alla melassa, liquirizia e frutta secca. Le varietà con una gradazione maggiore dell’8% sono ideali per la conservazione in botti di legno dove prima c’era bourbon o cognac. Segue l’affinamento in bottiglia.

Guinness Extra Stout

Il gusto della Guinness Extra Stout è profondo quanto il colore, ricco, rinfrescante e capace di offrire il contrasto dolce e salato al palato. La Guinness Extra Stout si basa su una birra prodotta per la prima volta nel 1821, quando Arthur Guinness stabilì precise istruzioni per la produzione della sua Superior Porter. Da allora questa birra è diventata il precursore di ogni innovazione Guinness. La Extra Stout è prodotta con malto, luppolo e orzo irlandese della migliore qualità ed è molto diversa dalla Guinness Draft liscia e cremosa.

Beamish

Beamish
La Beamish è una birra stout dal gusto secco e un carattere decisamente più abbordabile da non temere la rivale nonché famosa Guinness.

Caffrey's

Caffrey's
Caffrey's è tra le birre scure irlandesi prodotta dall'industria della birra Thomas Caffrey Brewing Company a Belfast, nell'Irlanda del Nord.

Murphy's

Murphy's
La Murphy's è una scura prodotta fin dal 1856 a Cork nel sud dell'Irlanda con un gusto più leggero e meno amara rispetto alle stout concorrenti.

Birra Porter e Stout

C’è differenza tra Porter e Stout, entrambe scure, maltate, vellutate e con un passato comune. Queste tipologie di birre hanno entrambe un carattere tostato e torrefatto, con sentori di caffè, seppur senza caffeina, e differiscono perlopiù dall’elevata presenza di malti scuri presenti nelle Stout e assenti nelle Porter. In effetti la birra Porter trova origine a Londra nel XVIII da una Brown Ale: una birra scura, dal sapore tostato, non forte, apprezzata dagli scaricatori di porto, i cosiddetti “porters”. Con il passare del tempo furono aggiunti nuovi ingredienti e aumentata la percentuale di alcol. Questo processo portò ad ottenere una Stout Porter, successivamente indicata come Stout.