Flann O’Brien, pseudonimo di Brian O’Nuallain, deve la sua fama al primo romanzo. “Una pinta d’inchiostro irlandese”, pubblicano nel 1939 con il titolo originale At Swim Two-Birds, è il suo libro più riuscito.

Nato a Strafane 1911 e morto a Dublino 1966, l’oggi e la cultura celtica sono i protagonisti indiscussi di quest’opera eccentrica e originale, che Flann O’Brien ha reso ricca di situazioni e di personaggi-marionette. Ad essa fanno seguito “II terzo poliziotto”(The third policeman, postumo, 1967), scritto durante gli anni della guerra.



Completano la bibliografia di Flann O’Brien: “La vita dura” (The hard life, 1962) e “L’archivio di Dalkey” (The Dalkey archive, 1964), opere didattiche di un sarcastico moralista che sempre più si identifica con il «buonsenso» dell’irlandese protestante e legato alle tradizioni.

La biografia di Flann O’Brien

L’attività dello scrittore e giornalista Flann O’Brien occupò uno spazio marginale nella vita di Flann O’Brien. Dopo la morte del padre, egli si ritrovò, ancora giovane, unico sostentamento di una famiglia di dodici persone. Si vide, così, costretto ad intraprendere la carriera del funzionario governativo della Repubblica d’Irlanda.

Gli anni del silenzio

L’insuccesso commerciale del primo romanzo, il rifiuto del secondo e le gravi difficoltà economiche che egli dovette affrontare aggravarono la naturale insicurezza e disistima dell’autore verso la propria produzione letteraria, determinandone il silenzio come romanziere per due decenni. Queste circostanze, insieme all’acuirsi dei suoi problemi di alcolismo che lo costrinsero alle dimissioni dal suo impiego presso il governo, contribuirono a creare un alone di pregiudizio verso Flann O’Brien, considerato ormai una promessa non mantenuta della letteratura irlandese.

La svolta

La svolta di Flann O’Brien arriva qualche anno più tardi. Nel 1940, egli cominciò a pubblicare articoli umoristici in inglese e in gaelico sul giornale bilingue The Irish Times con lo pseudonimo di Myles na gCopaleen (Myles dei Cavallini). Successivamente, replicò con altre testate importanti. Fu la volta del The Nationalist e a seguire sul Leinster Times con lo pseudonimo di George Knowall.

Libri di Flann O’Brien

Acquista i libri di Flann O’Brien.

Acquista subito i suoi libri



Scrittori irlandesi

C’è un lungo elenco di scrittori natii d’Irlanda. Alcuni hanno influenzato il Secolo, veri e propri personaggi irlandesi, altri contribuito a diffondere la cultura irlandese e le proprie idee. Tra loro si sono distinti particolarmente William Butler Yeats, considerato il poeta nazionale irlandese. In questa élite ci sono George B. Shaw, l’amato James Joyce, i nobel Samuel BeckettSeamus Heaney. Segnaliamo la popolarità di Oscar Wilde , del papà di Dracula Bram Stoker, di Clive Staples Lewis con le sue cronache di Narnia. Jonathan Swift, coi suoi viaggi di Gulliver; John M. Synge e Lady Isabella, Patrick Kavanagh, più recente Roddy Doyle.

Senza nulla togliere, e ci mancherebbe, ad Antoine Hamilton, come del resto Brendan Behan o Cecil Day Lewis e Charles R. Maturin. In questo interminabile elenco c’è Edna O’Brien, Edward Dunsany, ed Elizabeth Bowen. Gli irlandesi Flann O’Brien e Frank O’Connor, George BerkeleyGeorge Farquhar, George MooreGerald Durrell. Continuiamo con Iris MurdochJames Hanley e John DenhamJoseph O’Connor, fratello della famosa cantante. Joyce CaryLawrence G. Durrell al pari di Liam O’FlahertyLouis Mac NeiceMorr O’Dalaigh, Oliver Goldsmith e Rebecca West. A chiudere l’elenco  ci sono Richard Sheridan,  Richard Steele, Sean O’Casey, Sean O’Faolain e Thomas De Vere. E ancora Thomas KinsellaMayne Raid, Thomas MooreThomas Parnell.

Hai trovato utile questo articolo?
5/52 voti