La poesia di Thomas Kinsella si lega alle tradizioni ottocentesca e celtica, oscillando fra rarefatte e intellettualistiche costruzioni.

Thomas Kinsella, nato a Dublino nel 1928, ha vissuto negli Usa dove ed è stato docente universitario a Filadelfia. Il poeta ed editore ha ricevuto la Libertà Onoraria della Città di Dublino nel maggio 2007, dopo esservi tornato a vivere negli anni duemila. È morto a 93 anni, il 22 dicembre 2021.

La biografia

Thomas Kinsella è nato a Inchicore. Ha trascorso la maggior parte della sua infanzia a Kilmainham e ha studiato presso la O’Connell School di North Richmond Street, dove le lezioni si tenevano in lingua irlandese. Suo padre e suo nonno lavoravano entrambi nella fabbrica della Guinness.

Thomas Kinsella entrò nell’Università di Dublino nel 1946, inizialmente per studiare scienza. Dopo un paio di corsi, ha preso una carica nel servizio civile presso il Dipartimento di Finanza e ha continuato gli studi universitari di notte, dopo essere passato a studi umanistici e arti. Le prime poesie di Kinsella sono state pubblicate nella rivista National University. Il suo primo opuscolo, The Starlit Eye (1952), è stato pubblicato da Dolmen Press di Liam Miller, così come Poems (1956), la sua prima pubblicazione a lungo termine. Queste furono seguite da un altro settembre (1958), Moralities (1960), Downstream (1962), Wormwood (1966) e il lungo poema Nightwalker (1967).

I libri

Tra le raccolte di versi più importanti di Thomas Kinsella troviamo sicuramente “Un altro settembre” (Another september, 1958), Nightwalker (1967), fermo punto di riferimento del modernismo, Appunti dalla terra dei morti e altre poesie; Sangue e famiglia. Lo scrittore ha anche redatto un romanzo ispirato alla vita di Kennedy. Le raccolte poetiche sono molte: Another september (1958); Downstream (192); Nightwalker and other poems (1968); News poems (1973); Fifteen dead (1979); One and other poems (1980); Blood and family (1988); Her vertical smile (1985); Out of Ireland (1987) St. Catherine’s Clock (1987); One fond embrace (1981); Personal places (1990); The pen shop (1997); The familiar (1999); Godhead (1999); Collected poems: 1956-2001 (2001). K. si è dedicato anche alla traduzione in inglese di antiche opere irlandesi: Longes Mac Unsning e The breastplate of Saint Patrick (1954), Thirty-three triads(1955) e The Táin (1969). Tra le opere più recenti, oltre ai Selected poems (2007), vi sono anche alcuni titoli usciti in edizione limitata: Marginal economy (2006), Readings in poetry(2006), Belief and unbelief (2007), Man of war (2007).

Acquista subito i suoi libri

In evidenza

George Moore

George Moore
George Moore da giovane ha trascorso dieci anni a Parigi studiando pittura e lo racconta in Confessioni di un giovane del 1888.