Una serie di racconti che fanno luce sui più deboli, un cazzotto nello stomaco duro a digerire. Uomini d’Irlanda è un racconto senza filtro.

Uomini d’Irlanda

È sottile il filo che lega i dodici racconti di Uomini d’Irlanda di William Trevor: è poco più di una sensazione, penetrante e diffusa, un’atmosfera sottilmente malinconica che scandisce le vicende di personaggi assai diversi tra loro eppure tutti accomunati dall’incombere di un destino, a volte già riconosciuto, altre volte semplicemente presagito. Ognuno dei protagonisti porta con sé la percezione chiara di un sussulto, breve e terribile, che ne scardina l’esistenza. Spesso si tratta di un lutto, magari lontano nel tempo ma non ancora elaborato. Ma può anche trattarsi di qualcosa di meno appariscente, un semplice incontro, l’appuntamento misterioso con un uomo sconosciuto, o soltanto l’inaspettato riconoscimento di un volto familiare in una piccola via di Parigi, dopo anni di silenzio e di lontananza.

di Trevor William (Autore)

  • Lunghezza stampa

    202 pagine

  • Lingua

    Italiano

  • Editore

    Guanda

  • Data di pubblicazione

    22 settembre 2011

  • Dimensioni

    20.5 x 1.6 x 13.2 cm

  • ISBN-10

    886088618X

  • ISBN-13

    978-8860886187

Scheda, libro

Trevor ha costruito, attraverso i personaggi dei suoi racconti, un piccolo ed elementare labirinto irlandese che assomiglia moltissimo a quello delle esistenze degli esseri umani di tutte le latitudini. E ce lo descrive con l’essenzialità tipica della sua scrittura, asciutta e compatta, ma anche capace di rapidissime e vertiginose incursioni: scoperte improvvise affidate a pochi gesti, affetti e sentimenti che emergono da infondate profondità interiori e soprattutto solitudine, un abisso di solitudine squarciato soltanto dal crollare della consuetudine quotidiana che, credendo di nasconderlo, lo alimentava.