Il nuovo cd dei Fidil “3” è stato descritto come una pietra miliare di della celebre musica irlandese, recita un articolo del The Irish Times.

“Cd della settimana e primo album di musica tradizionale a ricevere 5 stelle dal quotidiano”, racconta la storia di debutto dei Fidil, quartetto della Contea di Donegal.

I Fidil sono composti da tre violinisti: Aidan O’Donnell, vincitore dell’edizione TG4 Giovani Musicisti dell’anno 2010; Ciarán Ó Maonaigh, nipote della violinista degli Altan Mairéad Ní Mhaonaigh e Damien McGeehan abilissimo nel produrre differenti suoni e nuove tecniche al violino.

La storia dei Fidil

FidilFormato nel 2008, quando Ó Maonaigh e Aidan O’Donnell realizzarono un Cd, con i loro duetti i Fidil ricevettero un ampio riconoscimento. Successivamente al gruppo si aggiunse Damien. Con lui, il trio riceve l’importante premio al Young Musicwide Award. Da quel momento inizia la loro attività live che li sui palchi di tutto il mondo. Da New York a Londra, passando per Canada, Islanda, Lettonia e Macedonia.

I Fidil raggiungono la massima popolarità nel novembre del 2009 con la realizzazione dell’album “3” che è stato descritto come “il matrimonio tra musicalità tradizionali e un sound di esplorazione, e una pietra miliare della musica tradizionale” (Siobhan Long, Irish Times) e “un promemoria di quanto magnifico può essere il violino, specialmente quando questi strumenti sono in mano a dei giovani così dotati; certamente un album senza tempo e un aggiunta essenziale alla nostra di musica irlandese”.(Seán Laffey, Irish Music Magazine).

La musica dei Fidil

Utilizzando diverse tecniche di gioco come strimpellare, fingertyle e percussioni, Fidil è pioniere di un suono davvero originale, fresco ed emozionante nel campo della musica mondiale e nell’antica musica della loro terra natale.

La produzione musicale dei Fidil  è caratterizzata da un approccio intricato e intelligente ma, soprattutto, riesce ancora a mantenere e rispettare l’elemento di ardente esuberanza che è il segno distintivo della musica di tradizione del violino del Donegal.

Intervista