Gavin Friday, nome di battesimo Fionan Martin Hanvey, è un cantautore irlandese nato a Dublino l'8 ottobre 1959 fondatore dei Virgin Prunes.

Gavin Friday ha studiato in una scuola cattolica per diversi anni, ma la sua fama è legata principalmente a quella dei Virgin Prunes, gruppo di matrice post punk nato alla fine degli anni settanta ed oggi considerato fra i maggiori ispiratori del Gothic rock.


Anteprima

Il video di un celebre brano di Gavin Friday registrato in studio.

Biografia e carriera di Gavin Friday

Nel 1996, Gavin Friday lascia la band e sceglie di fare il pittore, ma la passione per la musica, torna grazie all’incontro con il pianista e compositore Maurice Seezer, con il quale si esibiscono per raccogliere i fondi contro l’AIDS (Dublino 1987). Il primo album di Gavin Friday, nato da questo incontro, è Each man kills the thing He loves (1989), con la ballata del carcere di Reading, opera composta dallo scrittore irlandese Oscar Wilde in seguito alla detenzione per la sua omosessualità.

I temi dell’album sono gli stessi già affrontati dai Virgin Prunes, ma presenti ci sono musicisti di grosso calibro come Michael Blair, Marc Ribot, Fernando Saunders e Bill Frisell. La carriera di Gavin Friday è molto lunga e si alterna tra musica e pittura e anche qualche documentario come quello del 1999, su dei rifugiati in Kosovo. Nel film di Neil Jordan, Breakfast on Pluto, Gavin Friday si è trovato ad essere anche uno degli attori protagonisti, interpretando la parte di Billy Hatchet, cantante anni settanta che gira l’Irlanda a bordo di un camioncino.

Ma insieme a Seezer, Gavin Friday scrive una serie di canzoni per numerose colonne sonore, Angel per Romeo+Juliet (1996) di Baz Luhrman, o The last song I’ll ever sing inserita in Basquiat di Julian Schnabel, ma soprattutto scrive per Jim Sheridan, regista irlandese di grande spessore. Tre suoi film vedono la partecipazione musicale di Friday/Seezer: Nel nome del padre (In the name of the Father, 1993), l’intera soundtrack di The Boxer (1997) e, per il recente In America (2003), la canzone Time enough for tears, interpretata da Andrea Corr dei The Corrs.

Il 22 aprile 2011 esce il nuovo album di Gavin Friday, ‘Catholic’ e nell’album tributo agli U2 AHK-toong BAY-bi Covered, pubblicato il 26 ottobre 2011, Gavin Friday compare come interprete della cover di The Fly. Il brano Lord I’m coming, da Catholic, viene scelto dal regista Paolo Sorrentino per aprire la colonna sonora originale del film This Must Be The Place.


La discografia di Gavin Friday

  • Catholic (2011)
  • Peter and The Wolf (2003)
  • Shag Tobacco (1995)
  • Adam ‘n’ Eve (1992)
  • Each Man Kills The Thing He Loves (1989)