The Wild Rover è più di una canzone, un inno storico del folclore irlandese annotata in documenti scritti già alla fine del sedicesimo secolo.

Le origine di The Wild Rover, però, sono alquanto contestate. Secondo alcuni è probabile che alcuni equipaggi di pescatori, di passaggio nell’Atlantico settentrionale, conoscessero già la canzone prima che venisse identificata come brano storico irlandese. Ad ogni modo, cantata ed eseguita da numerosi artisti irlandesi e stranieri, la maggior parte delle volte The Wild Rover è proposta LIVE, soprattutto nei pub.

The Wild Rover dal vivo

Il video performance LIVE interpretato dai Dubliners.

Il testo originale di The Wild Rover

Il testo, trovato stampato in un libro: The American Songster. Si tratta di una stampa avvenuta negli Stati Uniti da WA Leary nel 1845 e diffusa in Scozia dal movimento della Temperanza. C’è un’altra versione stampata negli USA nel “Forget-Me-Not Songster” (c 1850), pubblicato da Locke. Tra l’latro, la canzone è catalogata al numero 1153 nel Rood Folk Song Index, che ne elenca 200 versioni.

I’ve played the Wild Rover for many a year
And I’ve spent all my money on whiskey and beer
But now I’m returning with gold in great store
And I never will play the Wild Rover no more.

And it’s no, nay, never
No nay never no more
Will I play the Wild Rover
No never, no more. (RIT.)

I went to an alehouse I used to frequent
And I told the landlady my money was spent
I asked her for a Red Stripe, she answered me “nay”
She said, “Patrons like you, I can get any day!”

(RIT.)

From out of my pockets I took moneys bright
And the landlady’s eyes opened wide with delight
She said, “I have Red Stripes, and wines of the best,
And the words that I said, son, were only in jest!”

(RIT.)

I’ll go back to Jamaica and lie in the sun
But I will play the part of the prodigal son
And if my girl loves me, as oft’ times before
Then I never will play the Wild Rover no more.

(RIT.)

Stereotipo o tradizione?

Nel ventesimo secolo, The Wild Rover divenne una delle principali preoccupazioni a causa della sua popolarità, stimolando il continuo dibattito tra diverse nazioni europee. Una colata di simpatia, storie di birra, soldi e di whiskey che non potrete perdervi per nulla al mondo soprattutto se siete diretti in Irlanda. Imparare questo brano tornerà utile per le vostre serata alcoliche e per familiarizzare con la gente del posto.

Significato

The Wild Rover racconta la storia di un giovane uomo che è stato lontano dalla sua città natale per molti anni. A un certo punto della sua vita decide di tornare alla sua ex birreria e la padrona di casa gli rifiuta il merito, finché non presenta l’oro che ha guadagnato mentre era via. A questo punto il giovane canta di come i suoi giorni di vagabondaggio sono finiti e intende tornare a casa sua e sistemarsi.

In evidenza

Artisti irlandesi

Artisti irlandesi
Se un paese si riconosce dai musicisti famosi, possiamo ben dire che l'Irlanda è fortemente rappresentata nelm ondo dagli artisti irlandesi.

Canzoni irlandesi

Canzoni irlandesi
Le canzoni irlandesi raccontano tradizioni, passioni nel cantare, pratica diffusa nei pub, storia, eventi speciali e avventure e sventure del popolo d'Irlanda.

Oscar Wilde House

Oscar Wilde House
Si fa sempre tappa alla statua e ci si dimentica della sua abitazione. Per questo vogliamo introdurre la visita alla Oscar Wilde House.

The Dubliners

The Dubliners
I Dubliners iniziarono a suonare per diletto nell’O’Donoghue pub nel 1962, da allora gli artisti non si sono più fermati. Sono tutti morti.

The Irish Rover

The Irish Rover
The Irish Rover è una canzone popolare nella cultura della musica tradizionale e la più conosciuta all'estero, tanto da spingere diversi artisti a cantarla.