Whiskey in the Jar

Whiskey In The Jar è uno dei più celebri canti popolari irlandesi, probabilmente risalente al 1600. La data però è stata fissata al 1728, genere folk e autore sconosciuto. Si tratta di un brano contro la guerra che moltissimi gruppi, nazionali e internazionali, hanno riproposto in varie salse. Una delle cover più apprezzate di questa splendida canzone è senza ogni dubbio l’interpretazione dei Metallica.

Ad ogni modo prima di congedarci con l’esecuzione di Whiskey In The Jar vorremmo soffermarci a raccontare di cosa parla il testo. Protagonista del brano, in prima persona, è un bandito che dopo aver derubato un soldato a un funzionario corrotto (“for I am a bold deceiver”) è tradito da una donna. Non è chiaro il ruolo di questa gentil sesso di nome Jenny. Potrebbe essere la moglie del protagonista, o più probabilmente l’amante.

Eppure poco sappiamo della voce narrante di Whiskey in the Jar. Il prosatore, passateci il termine, è sconosciuto. La traditrice Jenny invece è ripetuta tante volte che il suo nome appare quasi familiare, al pari del funzionario anglo-irlandese corrotto. Il nome di “Captain Farrell” è menzionato quasi in ogni strofa. Ciò che varia in questa canzone sono le ambientazioni. A seconda delle versioni mutano le città irlandesi. Troviamo la località di Kerry, Kilmagenny, Cork, Gilgarra Mountain, Sligo e altri posti sparsi in tutta l’Irlanda.

 

Whiskey in the Jar, Testo

Whiskey in the Jar mette in risalto il desiderio espresso dal narratore: ossia scappare dal posto dove è imprigionato. Lo scopo è comune e piacerebbe a molti: tornare a condurre una bella vita che, per quanto sia, non è certamente nel posto dove adesso si trova. Una vita che è altrove, in un altro posto rispetto all’attuale.

As I was going over the far famed Kerry mountains
I met with captain Farrell and his money he was counting.
I first produced my pistol, and then produced my rapier.
Said stand and deliver, for I am a bold deceiver,

musha ring dumma do damma da
whack for the daddy ‘ol
whack for the daddy ‘ol
there’s whiskey in the jar

I counted out his money, and it made a pretty penny.
I put it in my pocket and I took it home to Jenny.
She said and she swore, that she never would deceive me,
but the devil take the women, for they never can be easy.

I went into my chamber, all for to take a slumber,
I dreamt of gold and jewels and for sure it was no wonder.
But Jenny took my charges and she filled them up with water,
Then sent for captain Farrel to be ready for the slaughter.

It was early in the morning, as I rose up for travel,
The guards were all around me and likewise captain Farrel.
I first produced my pistol, for she stole away my rapier,
But I couldn’t shoot the water so a prisoner I was taken.

If anyone can aid me, it’s my brother in the army,
If I can find his station down in Cork or in Killarney.
And if he’ll come and save me, we’ll go roving near Kilkenny,
And I swear he’ll treat me better than me darling sportling Jenny.

Now some men take delight in the drinking and the roving,
But others take delight in the gambling and the smoking.
But I take delight in the juice of the barley,
And courting pretty fair maids in the morning bright and early.

 

Video di Whiskey in the Jar

Si potrebbero pubblicare una sfilza notevole di video e celebrare così l’apprezzatissima Whiskey in the Jar. Tanti gruppi, tante band di tutto il mondo hanno omaggiato in qualche modo Whiskey in the Jar. Lo hanno fatto i The Dubliners, The Pogues, Peter, Paul and Mary, The Highwaymen, Roger Whittaker, Nolwenn Leroy, the Clancy Brothers e Tommy Makem. In Italia ci hanno pensato i Modena City Ramblers e altri gruppi minori. Correva l’anno 1972 quando venne realizzata una versione rock del brano dalla band irlandese Thin Lizzy (Irish release) e nel 1973 (UK chart success). Quest’ultima è stata riproposta da Simple Minds, U2, Pulp, Smokie, Belle & Sebastian e Gary Moore.

 

 

Metallica

Nel 1998 il gruppo musicale statunitense Metallica realizzò una reinterpretazione di Whiskey in the Jar. La pubblicazione come singolo risale al 1º febbraio 1999. Whiskey in the Jar era il secondo estratto dall’album musicale di cover Garage Inc. La versione dei Thin Lizzy e dei Metallica differisce dalla tradizionale modificando lievemente alcuni versi e cambiando il nome del personaggio in Molly.

 

Hai trovato utile questo articolo?
5/52 voti