Il figlio della mamma, entrambi distrutti dall’alcolismo: un legame oscurato dalle tante donne del giocatore e da una fama incontrollata.

La madre

Ora il suo corpo giace accanto al figlio, sulla collina che accoglie il cimitero di Belfast. In vita, tra loro, c’è stato un legame forte messo in ombra dalle donne che hanno circondato il campione del Manchester United: attrici glamour, miss mondo e spogliarelliste. Con la madre, George Best ha condiviso il dramma dell’alcolismo.

George Best: carriera, frasi e morte del migliore numero 7

George Best: carriera, frasi e morte del migliore numero 7
Vita, eccessi, morte e frasi di George Best tra i migliori calciatori al mondo. Perché Maradona è bravo, Pelè è meglio, George è il migliore!

Nei cantieri navali di Belfast, tra i vicoli che si affacciano sul porto, c’è una coppia di nome Ann e Dickie Best. I due si innamorano durante un ballo e mettono su famiglia. Ann è una sportiva, giocatrice di hockey, capace di coinvolgere anche il figlio quando ne avrà l’opportunità. Il piccolo George Best fin da subito corre lungo le linee laterali, con una palla qualsiasi, e si appassiona al calcio tanto da desiderare di unirsi alla squadra dei ragazzi sotto casa. Il suo talento si manifesterà ben presto e a soli 15 anni lo porta via dalla famiglia. Un dramma, come racconterà la madre Ann nel documentario “Best: His Mother’s Son”. Passarono due anni e George Best firmò con il Manchester United un contratto da 35 sterline a settimana. Nessuno conosceva il rapporto tra i due, tra madre e figlio. Ann ha dovuto lottare con l’ascesa di George Best e la sua fama. Gli spot pubblicitari finirono per coinvolgere tutta la famiglia. Il giocatore firmò un accordo per promuovere una marca locale di salsicce e tutto il nucleo familiare si ritrovò di fronte alle telecamere. Ann riservata non riusciva a seguire le indicazioni della troupe e la gestione di tale fama fu sempre complicata. Mentre iniziavano i primi riconoscimenti a George Best come “miglior giocatore del mondo”, la madre mise al mondo il sesto figlio. La talentuosa nell’hockey dovette lasciare la carriera sportiva per gestire la famiglia. Quando è morta, a 54 anni, era un’alcolizzata, una donna caduta nella dipendenza dall’alcool. Astemia fino all’età di 44 anni, Ann sarebbe morta prematuramente per problemi cardiaci legati, molto probabilmente, all’alcolismo. Proprio come George Best. Il mancato coinvolgimento della famiglia non fa trapelare le vere ragioni che hanno portato Ann alla distruzione. Sicuramente l’alcool gli ha cambiato la vita e la personalità. Il dramma si è consumato sullo sfondo dei Troubles, mentre George Best saliva alla ribalta Ann scendeva all’inferno. Dal 2005, giorno della morte di George Best, i due riposano l’uno accanto all’altro.