Lo Hurling, Camogie al femminile, sono sport nazionali in Irlanda e che non siamo abituati a conoscere in Italia: si gioca con una mazza e una palla.

In gaelico Iománaíocht, lo hurling è praticato principalmente nell’Isola di Smeraldo e prende il suo nome dalla mazza ricurva di legno denominata hurley o stick, con la quale i 15 giocatori di entrambe le squadre devono colpire una piccola palla di cuoio, a terra o in aria, e passarla di giocatore in giocatore fino a farle superare i pali della porta, quei pali che fanno tanto pensare al rugby.

Considerato uno sport ad alta velocità in termini di rapidità di gioco, sicuramente meno dello hockey su ghiaccio, quando lo hurling viene giocato da donne assume il nome di Camogie.

di Cristina Orsingher

di Cristina Orsingher

Come si gioca a Hurling?

Hurling e Camogie

Nello Hurling e Camogie vince chi segna più punti (o gol). In campo si sfidano due squadre da 15 giocatori e si gioca utilizzando una mazza tra i 64 e i 97 centimetri, chiamata bas, e una palla di cuoio, chiamata sliotar, con un diametro di 65 millimetri. Soltanto il portiere gioca con una mazza che ha un manico di dimensione doppia rispetto agli altri giocatori e serve a parare.

Come nel calcio, nello hurling si attacca raggiungendo la porta avversaria e si difende la propria. La palla in campo può essere giocata colpendola o sollevandola in aria, usando la mazza, e colpirla al volo o raccogliendola in mano per non più di 4 secondi o 4 passi. Se viene raccolta, il giocatore che al prende non la può lanciare o trasportare per più di 4 passi o 4 secondi. Viceversa può colpirla con la mazza, con la mano o calciandola. Il bas può essere usato per trasportare la palla. Il casco protettivo di plastica comprensivo di maschera è d’obbligo per via dei ripetuti contatti tra difensori ed attaccanti.

Le regole

Le origini dello Hurling sono antichissime, si tratta del più vecchio sport europeo e conta ben duemila anni di vita. Gli irlandesi ne vanno fieri dato si tratti di uno sport nativo. Da non sottovalutare il campo nello Hurling che è un rettangolo d’erba lungo tra i 130 e i 150 metri e largo tra gli 80 e i 90, ma alle estremità troverete una porta da calcio con i pali da rugby ad H, così come nel calcio gaelico. I giochi sono regolati sempre dalla GAA, le partite durano 70 minuti (35 per tempo) e in caso di pareggio si giocano i tempi supplementari da 10 minuti.

Le squadre

Nello hurling le squadre sono composte da 15 giocatori (un portiere, due corner back, un full back, tre half back, due centrocampisti, 3 mezzali ed una punta) più tre riserve. Ogni giocatore è numerato da 1 a 15, partendo dal portiere, che deve indossare una divisa di colore diverso.

I falli tecnici (fouling the ball)

Spieghiamo i falli nello Hurling o Camogie, in versione al femminile.

  • Raccogliere la palla direttamente da terra
  • Lanciare
  • Muoversi per 5 passi con la palla in mano. Può essere fatta rimbalzare o trasportata con la mazza
  • Prendere la palla 3 volte in fila senza che tocchi terra (il tocco sulla mazza non conta)
  • Spostare la palla da una mano all’altra
  • Segnare di mano un gol o un punto
  • Lasciar cadere o lanciare la mazza
  • Palla quadrata, una regola spesso contestata: se, nel momento in cui la palla entra nel rettangolo più piccolo (in area), c’è già un attaccante all’interno, viene fischiata punizione per la difesa.

Il punteggio

I punti nello Hurling possono essere realizzati facendo gol, ossia quando la palla, attraversa i pali avversari. La porta è larga 6,37 metri e la traversa è alta 2,12 metri dal suolo. Se la palla supera la traversa viene realizzato un punto ed un fazzoletto bianco viene sollevato da un arbitro. Se invece passa sotto la traversa si segna un gol, che equivale a 3 punti, e viene alzato un fazzoletto di colore verde.

I contrasti

I contrasti nello hurling si possono fare ma i giocatori non devono essere colpiti con la mazza. Nono si può tirare la maglia, spingere o sgambettare oppure lottare, i modi per cercare il contatto con l’avversario avviene attraverso il blocco, ossia un giocatore tenta di fermare un tiro avversario bloccando la palla tra la sua mazza e quella dell’altro. Oppure si utilizza il gancio, ossia quando un giocatore attacca l’avversario da dietro tentando di bloccare la mazza dell’avversario con la propria al momento del colpo. Ci può essere la spinta laterale, scontro con le spalle che avviene quando i due giocatori cercano entrambi la palla per vincere il tackle.

Gli 8 arbitri dello Hurling

Ci vogliono 16 occhi, ossia 8 arbitri per assistere una gara di Hurling e sono:

  • arbitro principale
  • due guardalinee
  • quarto uomo
  • quattro arbitri (due per ogni linea di fondo)

I ruoli nello hurling sono ben distinti, l’arbitro è responsabile del gioco, si occupa di tenere traccia del punteggio, assegna le punizioni e sanziona o espelle i giocatori. I guardalinee indicano la direzione delle rimesse all’arbitro. Il quarto uomo si occupa delle sostituzioni e dell’ammontare dei minuti di recupero. Gli ufficiali di fondo invece, indicano se la palla è entrata o meno, allargando le braccia se un tiro è fuori, il fazzoletto bianco se si tratta di un punto, oppure quello verde se è passato sotto la traversa, 3 punti.

Camogie

Il Camogie è la versione ridotta e tutta al femminile. Il campo da gioco misura approssimativamente 137 x 82 e segue le stesse regole di gioco dello hurling però è molto meno seguito e ovviamente poco famoso. Un po’ come accade per il calcio o per il rugby, si prediligono le squadre maschili.

In evidenza

Calcio gaelico

Calcio gaelico
Ben differente dal nostro calcio, il football gaelico è una via di mezzo tra rugby e hurling con regole particolari che non prevedono compravendita di giocatori.

Il rugby

Il rugby
C'è una differenza fondamentale tra calcio e il rugby in Irlanda ed è racchiusa nel fatto che la palla ovale racchiude in un'unica squadra sia nord sia sud.

Sport in Irlanda

Sport in Irlanda
Lo sport in Irlanda è un medium sociale estremamente malleabile che può essere usato al servizio della giustizia sociale o per fomentare il conflitto sociale.