Merrion Square

Il nome Merrion Square venne dato a questa piazza nel 1762 e i lavori furono completati soltanto all’inizio del XIX secolo. A tutt’oggi l’area è considerata una dei più bei esempi di architettura georgiana della città ( e d’Irlanda) ed è una delle attrazioni principali per chi viene in visita nella capitale.

Fino a circa cinquant’anni fa, gli edifici situati nei dintorni di Merrion Square erano residenziali. Oggi, però, la stragrande maggioranza degli appartamenti ospitano uffici e sedi legali di importanti aziende.

La particolarità di Merrion Square sta tutta nelle targhe commemorative, che riportano le informazioni riguardanti i precedenti illustri residenti che abitavano nel palazzo. Dunque, è chiaro che la zona sia diventata col tempo un’attrazione di Dublino: inserita tra quelle che definiamo cosa da vedere a Dublino.

Visitare Merrion Square

In irlandese Cearnóg Mhuirfean, Merrion Square si trova sul lato a sud del centro, ed è considerata una delle più belle piazze superstiti. Tre lati sono allineati con case di mattoni rossi in stile georgiano, mentre il lato ovest confina con Leinster House, sede delle Istituzioni Oireachtas, e con altri edifici governativi. Tra questi troviamo il Museo di Storia Naturale e la Galleria Nazionale. Altre associazioni che hanno sede in questa piazza sono la Croce Rossa, la Biblioteca cattolica e l’Archivio di musica tradizionale irlandese.

Personaggi illustri che hanno vissuto qui

Fra i vari personaggi che hanno abitato su Merrion Square ci sono Oscar Wilde, che risiedeva al civico 1 dal 1855 al 1876, celebrato con una statua in suo onore. Poi, ancora, William Butler Yeats ha risieduto al civico 82 e Daniel O’Connell al 58. Tra questi anche l’artista George William Russell e lo scrittore Sheridan Le Fanu.

Fino al 1972 l’Ambasciata britannica si trovava al numero 39 di Merrion Square, ma dopo l’evento del Bloody Sunday, meglio noto come la domenica di sangue a Derry, in Irlanda del Nord, una folla inferocita – composta da oltre 20 mila persone – ha raso al suolo l’intero edificio.

 

Altre risorse interessanti

Hai trovato utile questo articolo?
5/54 voti