Monumenti, Dublino

Una breve carrellata dei monumenti di Dublino, almeno quelli più noti per orientare la vostra visita durante il soggiorno nella capitale irlandese.

Questa pagina non detta i tempi delle visite ma soltanto i monumenti più celebri che costituiscono un’attrazione per i tanti turisti che ogni anno arrivano in città.

Citiamo, dunque, l’Ha’penny bridge, il GPO, lo Spire e la prostituta pescivendola Molly Malone, raggiungibili a piedi o attraverso i trasporti a Dublino.

 

I Monumenti di Dublino

Iniziamo con l’Ha’penny Bridge, noto come il ponte degli innamorati, che offre il passaggio pedonale tra le due sponde del fiume Liffey. Lo trovate all’altezza di Temple Bar, il quartiere notturno della capitale. Restando nel centro storico, consigliamo una visita a Molly Malone, la sgualdrina tanto amata dai dublinesi. A lei è dedicato il brano “Cockles and Mussels“, nel corso degli anni diventata inno cittadino. La statua della donna con la carriola si erge lungo Suffolk Street, nei pressi della celebre Grafton Street. A due passi c’è il Trinity College e il Dublin Castle.

 

Statue e attrazioni

Ancora nel quartiere centrale, identificato con Dublin 1, potrete ammirare il The Spire, lo spillone di 120 metri che si trova vicino al GPO (General Post Office) lungo la celebre O’Connell Street. Nelle vicinanze, su O’Connell Bridge, c’è il monumento dedicato a Daniel O’Connell (1775-1847), padre della patria. Ammirate la statua dedicata allo scrittore James Joyce che si erge lungo Earl Street e quella che omaggia Oscar Wilde su Merrion Square. Citiamo ancora i Famine Memorial, un Memoriale che ricorda la Grande Carestia irlandese, realizzato nel 1997 nei pressi del The Custom House, il quartiere dei Docklands. Se avete tempo visitate l’obelisco dedicato ad Arthur Wellesley, Duca di Wellington. Lo trovate a Phoenix Park, nei pressi dello Zoo.

 

Altre risorse