Tarvisium Celtica

Tarvisium Celtica è un festival organizzato da il “Clan del Toro”, un’associazione culturale che si occupa della salvaguardia delle tradizioni celtiche nei luoghi d’origine, con particolare accento sulle tradizioni celtiche venete.

Il Clan del Toro ha esordito nel 2005 con la prima edizione di Tarvisium Celtica, articolata in tre serate e con artisti di fama internazionale.

Il Tarvisium Celtica si festeggia nel mese di luglio, presso il Parco degli impianti sportivi Parabae, a Maserada sul Piave).

 
Tarvisium Celtica
 

Tarvisium Celtica e la simbologia Celtica

La scelta del Toro come simbolo dell’associazione non è affatto casuale. Il “Tarvus” è un animale possente simbolo di prosperità, fertilità, ricchezza, legato profondamente alla terra di origine. Allo stesso tempo, il simbolo è connesso al cielo attraverso le eleganti corna falciformi protese quasi in ossequio alle divinità. Taranis Signore del Tuono e del Fulmine è la divinità che meglio incarna il potere del Toro, che sembra possedesse particolari poteri profetici. Per questo veniva spesso sacrificato dai Druidi nelle occasioni importanti, quali ad esempio l’elezione di nuovi re: nel cosiddetto Tarbhfess (festa del Toro), un Druido in un “magico” rituale riceveva indicazioni sul futuro sovrano d’Irlanda dopo aver mangiato la carne del Toro sacrificale ed essersi avvolto nella sua pelle. In molte occasioni il toro è raffigurato nella simbologia celtica con tre corna, (o con tre teste), quasi a significare particolare benevolenza da parte delle divinità.
 

Il Toro e Tarvisium, l’antica Treviso

Secondo certa letteratura e secondo studi riportati nella bibliografia della mostra “Alle origini di Treviso” svoltasi nel 2004 presso il museo di Santa Caterina, proprio dallo stretto legame con il Toro della vita dei primi celti insediatisi nelle campagne della Marca, deriva in qualche modo l’antico nome dell’insediamento celtico di Treviso, “Tarvisium”. Tarvus Trigaranos (Toro dalle tre gru) sembra fosse il nome originario dell’insediamento poi mutato in seguito all’occupazione romana in Tarvisium.

 

Altre risorse interessanti

Hai trovato utile questo articolo?
5/51 voto