Dal girovagare di casa in casa chiedendo dolcetto o scherzetto ai costumi tematici, scoprite le usanze irlandesi che animano le leggende di Halloween.

L’anno nuovo cominciava il Primo novembre, con l’arrivo dell’autunno, questo momento di passaggio era caratterizzato dal colore arancio – ancora oggi l’arancione identifica Halloween -, che ricordava la mietitura e dal nero che simboleggiava l’imminente buio dell’inverno.

Dolcetto o scherzetto?

In inglese trick or treat

dolcetto o scherzetto, trick or treat

I bambini vanno mascherati di casa in casa e chiedono dolci e caramelle o qualche soldo. La domanda di rito è appunto “trick o treat”, ovvero “dolcetto scherzetto”, che suona come una sorta di minaccia rivolta ai padroni di casa o alla loro proprietà. “Facciamo danni se non ci date qualcosa in cambio”. Esiste perfino una filastrocca che viene insegnata ai bambini delle elementari: “Trick or treat, smell my feet, give me something good to eat”. La tradizione di questo gioco porta indietro nel tempo, almeno all’Europa del IX secolo dC quando dagli inglesi veniva chiamata souling, ovvero “elemosina di anime”. Il riferimento è ai Cristiani che si spostavano da villaggio in villaggio per chiedere un tozzo di pane, noto come “pane d’anima”, che era un dolce a forma quadrata guarnito con uva passa. Ogni offerta era una preghiera per i defunti. L’arte del mascheramento, invece, risale al Medioevo e resta sempre associato al concetto dell’elemosina. I poveri bussavano casa per casa durante la festa di Ognissanti, il primo di novembre, in cerca di cibo e promettendo preghiere per i loro morti in vista della successiva giornata della Commemorazione dei defunti, ossia il 2 novembre. L’usanza è irlandese e del Regno Unito, anche se ci sono tracce di pratiche simili anche in alcune zone del sud dell’Italia. Tornando ancora indietro, dicerie tramandante oralmente dicono che nella notte di Samhain le Fate facevano “scherzetti” agli umani prendendosi gioco di loro, disorientandoli e intrappolandoli nelle “colline delle Fate”. Per questo i Celti erano soliti offrire cibarie alle Fate cercando di ingraziarsele. La stessa usanza di Halloween era praticata dai Celti era rivolta agli spiriti.

Costumi fai da te

La notte del 31 ottobre ci si maschera, scegliendo un costume che possa suscitare paura e solitamente si imitano personaggi della tv o ci si affida ai classici indumenti da vampiri, streghe, fantasmi e lupi mannari. Involontariamente, l’arte di mascherarsi a Halloween non è altro che un richiamo all’usanza celtica che, al contrario degli abiti utilizzati nella notte di Halloween, si concedevano pelli di animali e maschere durante i riti di Samhain e dell’accensione del Fuoco Sacro. Un modo come un altro di respingere gli spiriti maligni dai loro territori.

In evidenza

Jack o'Lantern

Jack o'Lantern
Una vecchia leggenda narra di un fabbro irlandese che dopo una sbronza al pub si trasformò in Jack o'Lantern e vagò con la sua rapa utilizzata a mo' di lanterna.