Informazioni necessarie e nozioni base per comprendere a fondo le differenze linguistiche delle diverse zone da visitare durante la permanenza in Irlanda e in Irlanda del Nord.

Nel confrontare la lingua ufficiale, dalla lingua scritta o parlata è facile imabbtersi in alcune precisazioni che sono tuttora al vaglio degli studiosi. Solitamente “Irlandese” è sinonimo di “gaelico”, ma secondo Alan Titley, traduttore e professore emerito presso l’University College di Cork questa sinonimia è errata. “La lingua irlandese non dovrebbe mai essere definita gaelica perché farlo è storicamente, socialmente, formalmente e linguisticamente sbagliato”, sostiene lo studioso. “Gaelico” è ora correttamente applicato alla principale lingua storica della Scozia, sebbene sia stato anche indicato (in inglese) come “irlandese” per la maggior parte della sua storia. La distinzione non è sottile: “irlandese” si riferisce alla lingua madre dell’Irlanda e “gaelico” si riferisce alla principale lingua madre della Scozia, sebbene il termine sia entrato in uso comune solo negli ultimi duecento anni, o meno.

Repubblica d’Irlanda

Lingua

L’inglese e l’irlandese sono gli idiomi ufficiali della Repubblica d’Irlanda, che si conferma di fatto essere una nazione bilingue. L’inglese è certamente la lingua più parlata nonostante ci sia uno zoccolo duro, ad esempio le regioni Gaeltacht, ferme sostenitrici del gaelico irlandese come lingua parlata. I gaelic speakers, tanto per associare un nome e delle zone geografiche sono presenti nel Connacht, nel Donegal o più a sud nel Kerry, Cork e anche in zone più piccole di Waterford, Mayo e Meath. I parlanti abituali sono sostenuti anche dai cartelli stradali e segnali bilingui. È un bene sia stata riconosciuta la tutela dell’irlandese a livello europeo, un modo per conservare un patrimonio culturale considerando che il gaelico è anche il termine collettivo per un gruppo di lingue.

Irlanda del Nord

Un discorso a parte merita l’Irlanda del Nord, dove l’inglese è lingua ufficiale. Ovviamente è possibile trovare matrici di irlandese (gaelico), considerando che anche gli idiomi sono entrati nel dibattito pubblico come distinzioni di identità durante gli anni del conflitto tra repubblicani e nazionalisti. Il Good Friday Agreement, ovvero l’accordo che sancisce la pace in queste terre, riconosce l’insegnamento del gaelico e per volere degli unionisti anche l’esistenza dell’Ulster-scots, una lingua dialettale nata dal contatto tra l’inglese, il gaelico scozzese e l’irlandese. Nell’accordo di St Andrews del 2006 il governo britannico si è impegnato a una legislazione per promuovere la lingua, cosa che non è avvenuta. E così anche la lingua irlandese è stata spesso merce di scambio in vista della formazione di un governo che potesse unire le diverse anime.

In evidenza

Il gaelico, l'antica lingua irlandese

Il gaelico, l'antica lingua irlandese
Il gaelico è l'antica lingua irlandese ancora oggi studiata nelle scuole e parlata in alcune zone, di matrice tradizionale, identificate con il nome Gaeltacht.