Un elenco di Ambasciate e consolati, Camere di Commercio, Istituti di cultura e Comitati, Sindacati e Enti professionali cui rivolgersi.

Associazioni e ordini professionali

Ambasciate e Consolati

Nel vasto panorama lavorativo irlandese è possibile consultare gli elenchi di aziende presenti sul mercato e che da anni operano nell’ambito della pesca, tecnologia, agricoltura e campo infermieristico. A tal proposito è un’ottima fonte l’annuario delle imprese Kompass Ireland (ie.kompass.com). Oltre a un approccio on line, è possibile addentrarsi in luoghi e associazioni che seppur apparentemente non si occupano di lavoro in prima battuta potrebbero rivelarsi utili a tale scopo. È il caso delle ambasciate e dei consolati come la Italian Embassy in Ireland (Ballsbridge, 63-65 Northumberland Rd – www.ambdublino.esteri.it) e altri comitati degli Italiani all’estero.


Istituti di cultura e Comitati degli Italiani all’estero

Tra i comitati spicca il Comites (Com.It.Es – www.comitesirlanda.com), una organizzazione senza fini di lucro e apolitica che si candida a raccogliere le esigenze dei cittadini italiani residenti all’estero. Un’opportunità anche per gli italiani che da poco in Irlanda cercano di intraprendere una lunga esperienza di vita e di lavoro nel Paese.

Anche l’Istituto di cultura italiana a Dublino (11 Fitzwilliam Square East, Dublin 2 – iicdublino.esteri.it/iic_dublino/it/) potrebbe essere un ottimo punto di contatto per stringere legami con altri connazionali che vivono o si trovano in Irlanda.


Camere di commercio, sindacati

Le Camere di Commercio potrebbero rivelarsi utili perché custodi di elenchi di aziende che operano sul mercato. Parte dei servizi sono a pagamento ma nulla toglie la possibilità di richiedere una lista di aziende di un determinato settore. Soprattutto per coloro che dispongono di competenze specifiche alcuni dati potrebbero risultare preziosi. La Camera di commercio italiana in Irlanda potrebbe essere in possesso di di banche dati utili o contatti validi. In Italia si può prendere in considerazione Enti che lavorano per la cooperazione italairlandese come la Trade Commission Trade Promotion Section Of The Italian (Italian Trade – www.ice.it/it), l’Enterprise Ireland Head Office (East Point Business Park The Plaza Dublin 3 – www.enterprise-ireland.com) e la The Chambers of Commerce of Ireland (www.chambers.ie).

Il mondo sindacale è anch’esso una strada percorribile, almeno per avere una visione corretta del panorama lavorativo. Il sindacato conosce ogni aspetto dell’iter contrattuale, normativo e anche eventuali bisogni di alcuni settori rispetto ad altri. È possibile rivolgersi presso l’Irish Congress of Trade Union (31/32 Parnell Square, Dublin 1 – www.ictu.ie) o al Services, Industrial, Professional and Technical Union (Liberty Hall, Dublin 1 – www.siptu.ie).


Ordini professionali

Anche in Irlanda come del resto in Italia, alcune categorie di lavoratori appartengono a un ordine che in qualche modo li tutela. Ordini e associazioni professionali mantengono vivo il rapporto con il lavoratore e lo sostengono nell’aggiornamento costante. Solitamente gli ordini professionali non sono delle agenzie di lavoro, però sicuramente custodiscono un patrimonio informativo sul settore di riferimento. Tra i vari ordini e associazioni ci sono Chartered Institute of Personnel and Development (www.cipd.ie), ICRI Conservation (L’associazione dei restauratori – www.icriconservation.ie), l’associazione degli Ingegneri (www.engineersireland.ie), dei geologi (igi.ie), degli architetti (www.riai.ie), l’Associazione degli Amministratori (www.iamireland.ie), dei tecnici di radiologia (www.iirrt.ie), dei trasportatori (irishexporters.ie), l’Associazione dei chimici (www.chemistryireland.org), l’Associazione degli agricoltori (www.simi.ie), dei lavoratori nel franchising (irishfranchiseassociation.com), dei medici (www.imo.ie), degli operatori di viaggio(www.itaa.ie).