Riconoscimento delle qualifiche professionali

Il riconoscimento delle qualifiche professionali è molto importante soprattutto se si è intenzionati a trasferirsi all’estero, nel vostro caso in Irlanda. Le professioni sono regolamentate in maniera differente a seconda del paese della UE.

Occorre però fare una distinzioni tra chi intende trasferirsi in maniera permanente e chi invece soltanto temporaneamente, le procedure per il riconoscimento delle qualifiche professionali segue due iter completamente diversi. In quest’ultimo caso, basterà presentare una dichiarazione preliminare scritta.

Se la tua professione ha a che fare con la salute pubblica e la sicurezza, il paese ospitante potrebbe decidere di verificare prima le tue qualifiche. Per saperne di più sulle norme applicabili al tuo caso, contatta l’autorità nazionale responsabile dell’accesso alla tua professione nel paese ospitante. Se non trovi la tua professione nella banca dati, rivolgiti agli sportelli nazionali competenti per le qualifiche professionali del paese in cui desideri lavorare.
 

Riconoscimento delle qualifiche professionali

Riconoscimento delle qualifiche professionali (Foto freeimages.com/photographer/subin-39252)

 

Informazioni sul riconoscimento delle qualifiche professionali

Di seguito facciamo la distinzione su quali passi seguire per un trasferimento completo o momentaneo. Ecco come cambia il Riconoscimento delle qualifiche professionali.
 

Voglio trasferirmi definitivamente

Se vuoi stabilirti in un altro paese dell’UE nel quale la tua professione è regolamentata, devi ottenere il pieno riconoscimento delle tue qualifiche prima di iniziare a lavorare. Una volta ottenuto il Riconoscimento delle qualifiche professionali, potrai accedere alla professione ed esercitarla alle stesse condizioni dei cittadini di quel paese e di coloro che vi si sono formati.
 

Prepara la tua domanda

L’autorità responsabile dell’accesso alla professione nel paese ospitante ti spiegherà quali documenti devi presentare. Se la tua professione non è regolamentata nel tuo paese di origine, potresti non avere i diplomi o certificati richiesti o i documenti che dimostrino la tua appartenenza a un albo professionale. In tal caso, dovrai provare con altri mezzi che hai esercitato la professione per almeno 2 degli ultimi 10 anni.
 

Procedura e termini

Quando chiedi il Riconoscimento delle qualifiche professionali, le autorità locali devono accusare ricevuta della tua domanda e richiedere eventuali altri documenti entro 1 mese.

Una volta ricevuta la tua domanda completa, devono adottare una decisione entro:

  • 3 mesi se sei un medico, un infermiere responsabile dell’assistenza generale, un’ostetrica, un veterinario, un dentista, un farmacista o un architetto che beneficia di un riconoscimento automatico
  • 4 mesi per tutte le altre professioni.

Se le autorità locali del paese ospitante dovessero constatare che la tua formazione ed esperienza professionale non corrispondono ai livelli previsti, potrebbero chiederti di intraprendere ulteriori passi per dimostrare di essere qualificato. In linea di principio, dovresti poter scegliere tra una prova attitudinale o un tirocinio di adattamento (che può richiedere fino a 3 anni).

In caso di rigetto della domanda di riconoscimento delle qualifiche professionali, le autorità locali sono tenute a fornire una motivazione.
 

Intendo fare un trasferimento temporaneo

Se intendi prestare i tuoi servizi temporaneamente in un altro paese dell’UE, devi prima risultare stabilito nel tuo paese di appartenenza. Non è tuttavia necessario che tu stia esercitando la tua professione nel momento in cui decidi di lavorare all’estero. Non devi chiedere il riconoscimento delle tue qualifiche. È possibile, tuttavia, che il paese nel quale vuoi recarti chieda una dichiarazione preliminare scritta (su carta o in formato elettronico).

Il paese ospitante può anche chiederti di rinnovare la tua dichiarazione una volta all’anno se intendi continuare a prestare temporaneamente servizi sul suo territorio. Per saperlo, contatta lo sportello per le qualifiche professionali del paese ospitante.
 

La tua dichiarazione

Se è richiesta un riconoscimento delle qualifiche professionali, presenta direttamente all’autorità del paese ospitante responsabile per la tua professione.

La dichiarazione deve contenere le seguenti informazioni:

  • nome, cognome e recapiti
  • nazionalità
  • professione svolta nel paese in cui lavori abitualmente e professione che intendi esercitare nel paese ospitante
  • informazioni sull’assicurazione per la responsabilità professionale, ovvero: assicuratore, numero del contratto (chiedi al tuo datore di lavoro)
  • riferimento a eventuali dichiarazioni presentate precedentemente nello stesso paese.

La prima volta che presenti una riconoscimento delle qualifiche professionali o che si verifica un cambiamento nella tua situazione, dovresti fornire i seguenti documenti giustificativi:

  • Prova della tua nazionalità
  • una prova del fatto che risiedi legalmente in un paese dell’UE e che non hai ricevuto un divieto (neanche temporaneo) ad esercitare la tua professione
  • una prova delle tue qualifiche professionali
  • se la tua professione e la relativa formazione non sono regolamentate nel paese in cui eserciti solitamente: una prova del fatto che hai esercitato la professione in questione per almeno 2 degli ultimi 10 anni
  • se lavori nel campo della sicurezza (ad esempio come guardia di sicurezza): una prova dell’assenza di precedenti penali gravi.
  • I documenti richiesti variano da paese a paese. Contatta l’autorità competente del paese ospitante per sapere quale tipo di documento viene riconosciuto.

 

Termini di trasmissione

Nella maggior parte dei casi puoi presentare la tua dichiarazione di riconoscimento delle qualifiche professionali in qualsiasi momento prima di iniziare a lavorare nel paese ospitante (anche se non sei sicuro che lavorerai). Tuttavia, se la professione che intendi esercitare implica un potenziale rischio per la salute pubblica e la sicurezza, è possibile che il paese ospitante decida di verificare le tue qualifiche in anticipo.

Ciò significa che non puoi iniziare a lavorare fino a quando non è stata eseguita la verifica e non hai ottenuto un’autorizzazione ufficiale. La tua professione richiede una verifica preliminare? Chiedilo allo sportello per le qualifiche professionali del paese ospitante. In caso affermativo, il paese ospitante può impiegare 2 mesi per verificare le tue qualifiche e decidere se devi fare altro, ad esempio completare un periodo di adattamento o partecipare a un test attitudinale.

Per accelerare la procedura, assicurati che la dichiarazione contenga tutte le informazioni e i documenti necessari. La mancanza di documenti o la presenza di errori possono causare inutili ritardi.
 

Copie autenticate/traduzioni giurate

Le autorità possono richiedere copie autenticate (a dimostrazione della veridicità dei documenti) e/o traduzioni giurate di taluni documenti principali per la tua domanda, come i certificati che attestano le tue qualifiche. Le traduzioni giurate sono accompagnate da una garanzia di accuratezza da parte di un traduttore abilitato.
 

La normativa europea

Le norme in materia di riconoscimento delle qualifiche professionali stabiliscono che tale requisito si applica solo ai documenti principali, come ad esempio le qualifiche stesse le autorità nazionali sono obbligate ad accettare traduzioni giurate provenienti da altri paesi dell’UE.

Le autorità non possono esigere la traduzione giurata dei seguenti documenti:

  • qualifiche per medici, infermieri responsabili dell’assistenza generale, ostetriche, veterinari, dentisti, farmacisti o architetti
  • carte d’identità, passaporti o altri documenti non connessi alle tue qualifiche.