Sei Nazioni di Rugby

Il Sei Nazioni è il più importante torneo di rugby che ogni anno si svolge in Europa e vede affrontarsi sei squadre: le Nazionali di Francia, Galles, Inghilterra, Irlanda, Italia e Scozia.

Dopo essere stato sponsorizzato dal 2006 al 2017 dalla Royal Bank of Scotland (con denominazione RBS Sei Nazioni) e nel 2018 dalla National Westminster Bank (con denominazione NatWest Sei Nazioni), nel dicembre 2018 Guinness ha stipulato un accordo per sponsorizzare il torneo. Dall’edizione 2019 fino a quella 2024, il campionato europeo di rugby prenderà il nome di Guinness Sei Nazioni.

Prima di scoprire qualche curiosità, vogliamo fare un passo indietro e dire come il 6 Nazioni abbia avuto inizio. La data non è cosa da poco, stiamo parlando di un arco temporale che va a ritroso di più di 100 anni. Dopo la rivoluzione francese (5 mag 1789 – 9 nov 1799). Originariamente, la competizione vedeva protagoniste quattro squadre, le Nazionali delle Isole britanniche Regno Unito, Inghilterra, Scozia, Irlanda e Galles. Successivamente furono annesse la nazionale italiana e quella francese. Si parte da cinque squadre nel 1910 con l’ingresso della Francia, per poi tornare di nuovo a una formazione a quattro per un breve periodo, fino all’attuale torneo di Rugby con l’ammissione dell’Italia nel 2000.

Sei Nazioni

 

Sei Nazioni: il regolamento

Il Sei Nazioni di rugby ha una durata di sette fine settimana (solitamente cinque sono giocati, mentre altri due sono di riposo) nei mesi di febbraio e marzo. Raramente, alcune date sforano nel mese di Aprile. Ogni team affronta singolarmente le altre squadre, incontri singoli, che avvengono in maniera alternata (di anno in anno) in casa o fuori casa.
 

Punti

Dall’edizione 2017, il Sei Nazioni di rugby ha introdotto una nuova assegnazione dei punti, sulla base del punteggio internazionale. Le regole di gioco stabiliscono quattro per ogni vittoria, due per il pareggio e alcun punto in caso di sconfitta. A questo occorre sommare 1 punto bonus per il team che mette a segno 4 mete (sia che vinca, sia che perda), 1 punto bonus se si perde con uno scarto pari o inferiore ai 7 punti, in più 3 punti di bonus per chi fa il Grande Slam. Vince il torneo chi ottiene più punti e in caso di parità chi ha la miglior differenza punti. Proseguendo in caso di ex aequo, vince quella che ha fatto più mete. In ultimo la vittoria è assegnata a due squadre.

Orientamento

Per conoscere meglio il Sei Nazioni di rugby, consigliamo di approfondire la lettura visitando le altre sezioni disponibili sul nostro sito. Sono anni che in qualche modo cerchiamo di documentare tutto ciò che ruota attorno a questa importantissima iniziativa sportiva. Inseguiamo curiosità e statistiche, guardando da vicino le protagoniste assolute dei match. C’è la squadra più vittoriosa del torneo che è il Galles e quella che meno è riuscita a imporsi. L’Italia, che dalla sua ammissione al Sei Nazioni di rugby non ha mai vinto.

  • Scopri il Calendario 6 Nazioni: pubblichiamo le date ufficiali del torneo con gli orari e gli stadi che ospiteranno i protagonisti del rugby.
  • La Classifica aggiornata in tempo reale. Scopri i punti fatti e subiti e il punteggio delle squadre, alla fine di ogni match.
  • Acquista i Biglietti del Sei Nazioni per assistere ai match degli azzurri in casa, allo stadio Olimpico di Roma.
  • Ecco Squadre e Stadi che aderiscono alla competizione più importante d’Europa. Fate un giro virtuale negli impianti sportivi che ospitano la palla ovale e scoprire curiosità sulle celebri squadre.

 

6 Nazioni: curiosità sul torneo

  • La Storia del 6 Nazioni, come accennavamo poc’anzi, comincia poco più di 100 anni da, a pochi decenni dalla guerra di secessione Usa e dall’unificazione dell’Italia. All’epoca si trattava di un incontro fra le quattro squadre del Regno Unito, comunemente conosciute con il nome di home nations, poi la platea si è fatta più ampia.
  • Con il torneo Sei Nazioni torna anche il Terzo Tempo al Peroni Village. Un appuntamento fisso che ogni anno si svolge al termine di ogni singolo match. Si tratta di una fase goliardica che vede protagonisti i giocatori e i tifosi. A rendere unica la festa, ci pensa Peroni che, legata al mondo della Federazione italiana di rugby (FIR), dal 2005 rinnova il proprio impegno al fianco del mondo della palla ovale come birra ufficiale della Nazionale Italiana di Rugby.
  • Titoli e premi nell’ambito del Sei Nazioni di rugby. Durante il torneo ci sono dei premi che in pochi conoscono. Si tratta di riconoscimenti intermedi quali il Grande Slam, la Triple Crown, la Calcutta Cup, il Millennium Trophy e ancora il Centenary Quaich e il Trofeo Giuseppe Garibaldi disputato tra Italia e Francia.
  • Il Cucchiaio di legno, in inglese Wooden Spoon, è un titolo simbolico che viene riconosciuto alla squadra che si piazza in fondo alla classifica. Con parole semplici si può dire che il riconoscimento negativo è attribuito alla squadra che non riesce a totalizzare nessun punto. Negli ultimi anni l’Italia, pur avendo subito un lungo processo di rinnovamento e cambio di gioco, si è spesso aggiudicata il disdicevole premio.

 

Passate edizioni

Irlandaonline da tanti anni segue il prestigioso Sei Nazioni di rugby. Abbiamo scritto numerose notizie, dati e documenti, tanto da creare un archivio consultabile gratuitamente online. A partire dal 2006 ci siamo occupati del torneo più celebre d’Europa annotando risultati e classifiche. Tutto questo lavoro è ora fruibile nell’apposita sezione dedicata all’archivio storico. Ecco i Risultati. Per maggiori informazioni potrete consultare il Sito ufficiale del torneo Six Nations.

Hai trovato utile questo articolo?
5/510 voti