La storia del 6 Nazioni comincia poco più di 100 anni dopo la rivoluzione francese. A pochi decenni dalla guerra di secessione americana e dall’unificazione dell’Italia: nasce il torneo delle sei squadre.

All’epoca si trattava soltanto di un incontro fra le quattro squadre del Regno Unito: Inghilterra, Scozia, Irlanda e Galles, le cosiddette home nations. Dopo la storia del 6 Nazioni scava ancora nelle prime testimonianze che risalgono al 1883. L’anno in cui vinse l’Inghilterra, seconda la Scozia.



Colpisce pensare che all’epoca la storia del 6 Nazioni fosse soltanto un appuntamento tra quattro squadre. Quasi fosse una scommessa, un patto d’onore che non richiedeva alcun comitato organizzativo. Con il passare del tempo tutto si è strutturato fino a diventare ciò che è oggi.

Storia del 6 Nazioni

La storia del 6 Nazioni

Fu il The Times, quotidiano britannico, a pubblicare per la prima volta la classifica del torneo. Era il 1892 e quell’anno vinse la Scozia. Nelle edizioni immediatamente precedenti e successive videro l’Inghilterra in declino, la netta supremazia della Scozia e l’affermarsi di Irlanda e Galles. Ci vogliano quasi dieci anni, come racconta la storia del 6 Nazioni per consentire l’ingresso dei transalpini.

Nel 1910 la Francia diventa la quinta nazione e l’Inghilterra torna a vincere dopo 18 anni di delusioni. I galletti, però, arriveranno al titolo solo nel 1954, insieme a Inghilterra e Galles. Si ripeteranno l’anno seguente con il Galles. In altre parole, fino al 1960, la storia del 6 Nazioni documenta un sogno per la Francia. L’Irlanda, che sembra destinata ad aggiudicarsi il cucchiaio di legno alla carriera, raggiunge i suoi pochi momenti di gloria negli anni della II Guerra Mondiale. Tempi bui per la squadra di Dublino sono il conflitto nordirlandese. La guerra civile fra cattolici e protestanti delle provincie dell’Ulster ferma la corsa della nazionale di rugby irlandese al torneo. Molto spesso declina gli inviti.

Sei Nazioni

Negli anni ’80 del ‘900 sono Inghilterra e Francia a farla da padroni. Nel 2000 c’è l’ingresso dell’Italia, che disputa la sua prima partita in quello che è diventato il Torneo delle Sei Nazioni. La nazionale di rugby italiana scende in campo il 5 febbraio contro la Scozia, campione in carica, con una vittoria per 34 a 20. Diego Domínguez realizza 29 punti (una trasformazione, tre drop e sei calci piazzati). Un miracolo che sembrava promettere anni d’oro. In realtà nella storia del 6 Nazioni tra le squadre meno vittoriose c’è proprio l’Italia. Gli azzurri dallo loro ammissione nel torneo non ha mai vinto il titolo. Un destino condiviso dalla Scozia dopo l’ultima vittoria avvenuta nel 1999.

Hai trovato utile questo articolo?
5/52 voti