La Nazionale di rugby irlandese si è costituita nel 1875, quando disputò il suo primo incontro internazionale a Londra contro l’Inghilterra.

La Nazionale fa parte da sempre del Sei Nazioni, dapprima Cinque Nazioni e ancora prima Quattro. Inutile ricordare che i veri costituiscono una delle squadre più forti del torneo, con una miriade di premi e trofei conquistati a vari livelli. Nel corso della storia del rugby, il team in maglia verde ha vinto le varie edizioni del torneo nonché il Grande Slam e la Triple Crown.

Irfu, la nazionale di rugby irlandese

Il rugby unisce. Il team opera, infatti, sotto la giurisdizione della Irish Rugby Football Union (IRFU) e comprende sia la Repubblica d’Irlanda che l’Irlanda del Nord (politicamente territorio del Regno Unito). Per questo motivo, la Nazionale non si riunisce sotto la bandiera d’Irlanda, ma ne ha una propria: lo shamrock e un doppio canto nazionale.

Inni contesi

Ne sono passate di rivolte silenziose e musi storti, cambiando spesso brano. Quando il XV si trovava ad affrontare delle squadre a Belfast, veniva intonato il britannico God Save the Queen, mentre a Dublino si preferiva intonare a gran voce Amhrán na bhFiann. Dal 1995 si è superato questo scoglio introducendo un nuovo brano: Ireland’s Call. Un brano che ha messo tutti d’accordo e che si alterna proprio a “Amhrán na bhFiann”. E così, la Nazionale di rugby irlandese vanta il doppio inno, una cosa unica nel suo genere accettata da tutte le squadre avversarie.