Il brownie, noto anche come chocolate brownie o Manchester brownie, è un tipico dessert al cioccolato che riconduce alla cucina statunitense e anche irlandese. Lo troverete soprattutto in concomitanza con la festa di San Patrizio. Dunque, nel caso si avvicinasse il 17 marzo mettetevi subito al lavoro.

Ma da cosa deriva il nome Brownie? Il dolce è chiamato così per via del suo colore scuro e si presenta come un biscotto tagliato a piccoli quadrettini. Alla vista è molto invitante e sarà quasi impossibile rinunciarvi. Ma perché mai dovreste farlo?

Nella ricetta proposta da Bord Bia, l’Ente governativo dedicato allo sviluppo dei mercati di esportazione dei prodotti alimentari, delle bevande e della produzione ortofrutticola di origine irlandese, c’è una versione interessante. Ovviamente ce ne sono tante e tutte andrebbero sperimentate.

Brownie

con l’aggiunta della salsa al whiskey

Brownie

Ingredienti per 4 persone – Quantità: 16 brownie

  • 150g di burro
  • 200g di zucchero
  • 65g di cacao amaro
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 2 uova
  • 100g di farina

Per la preparazione della salsa di whiskey:

  • 50g di zucchero
  • 2 cucchiai di whisky irlandese torbato Connemara

Scopri il Brownie e non te ne pentirai!

Preparazione

Sciogliete il burro nel microonde per 20-40 secondi al massimo.
Incorporate nell’ordine: lo zucchero, il cacao e la vaniglia.
Amalgamate le uova, una alla volta. Poi incorporate la farina.
Ungete un piatto adatto al microonde e versateci il composto. Cuocete al massimo per 4-5 minuti, ricordandovi che più è potente il microonde e più veloce sarà la cottura.

Fate riposare 10 minuti prima di tagliare.
Per preparare la salsa, sciogliete a fuoco lento lo zucchero insieme al whiskey e fate addensare, poi servite ancora tiepida.

Consiglio! Il centro dei brownie può sembrare crudo a fine cottura, ma finirà di cuocersi durante il riposo. Per ottenere una consistenza ancora più densa, lasciare nel frigo tutta la notte.