Irlanda in Festa a Bologna, con oltre 50 mila visitatori all’anno in 10 anni, si è guadagnata un posto di spicco fra gli eventi legati al St. Patrick’s Day e oggi è la più importante rassegna in Europa dedicata all’Isola del Trifoglio.

La ricetta vincente è il felice di Irlanda in festa a Bologna è il connubio fra musica, gastronomia e cultura della Verde Isola: un paese tanto amato per le sue tradizioni, i suoi paesaggi, la sua storia e la sua gente.



In ogni edizione di Irlanda in festa a Bologna, spazio a concerti, danze, cibo, birra, folklore e curiosità sulla cultura celtica, con un ricco programma di appuntamenti che consentiranno al pubblico di immergersi nei suoni e nei colori di una terra accogliente, affascinante e ricca di bellezza.

Capofila, come sempre, la città, teatro dell’evento nel tendone del PalaNord (ribattezzato PalaIrlanda) al Parco Nord, allestito accanto all’Estragon Club (via Stalingrado 83): 5000 mq riscaldati dove troveranno posto le immancabili birrerie, il ristorante Connemara, il palco per i concerti. Completano l’offerta il mercatino artigianale e la libreria a tema, le lezioni gratuite di danze celtiche e alcune attività sportive come le freccette. Confermatissima, all’esterno del tendone, l’area street food dove assaporare i piatti dal resto del mondo.

LA GASTRONOMIA E LA BIRRA

Direttamente da Cork gli chef Damien O’Shea e Patrick Browne prepareranno per il pubblico bolognese i piatti tradizionali con un tocco di creatività. Al ristorante Connemara, aperto tutte le sere dalle ore 19 alle 23 e con una capienza di 500 posti a sedere, sarà possibile assaggiare le prelibatezze dell’isola come salmone affumicato con rape rosse e salsa di rafano, stinco al forno cotto in Kilkenny, colcannon, pollo arrosto con funghi a la creme, l’immancabile Fish & Chips, golosissimi Baileys CheesCake, Bread & Butter Pudding with softly Whipped e tanto altro. Ma a dare man forte saranno soprattutto intorno alle birrerie, pronte a spillare litri di bionde, rosse e scure made in Ireland: Harp, Smithwhick’s e su tutte sua maestà la Guinness.

L’ingresso al padiglione Palanord è gratuito, mentre per alcuni concerti all’Estragon è previsto il pagamento di un biglietto.

Vedi anche:

Hai trovato utile questo articolo?
0/50 voti