Downpatrick Head

La leggenda di Downpatrick Head narra una storia incredibile e talmente affascinante che vale la pena raccontare. Pare che il Re pagano Crom Dubh, che rifiutava la conversione al Cristianesimo, si sia rifugiato in questo sperone di roccia, quando era tutt’uno col resto della costa.

San Patrizio, durante l’opera di evangelizzazione, per convertirlo, avrebbe toccato la terra col bastone facendo crollare parte del promontorio, lasciandolo così morire da solo sul Dun Briste, come re disobbediente.

Se un’altra verità può darvi conforto, allora sappiate che sono molte le fonti smentiscono la leggenda di Downpatrick Head.

 

Leggenda di Downpatrick Head

Sembra che a staccare lo sperone di roccia dalla terraferma, correva l’anno 1393, sia stata la forza dell’Oceano (questa tesi smentirebbe la leggenda di Downpatrick Head). La violenza dell’acqua avrebbe contribuito a far staccare il pezzo che ora è isolato e ancora pericolante in mezzo al mare. Il pericolo è dovuto al continuo logorio delle onde, capaci di scavare delle grandi gallerie nel terreno e di conseguenza provocare il cedimento della roccia.

L’impressione, infatti, che si ha vedendo la scogliera dal punto più esterno, che corre parallelo al Dun Briste, è che l’Oceano stia divorando l’interno promontorio con l’incessante azione delle onde e del vento: lo spettacolo che offre la parte del capo più esposta, mostra come l’acqua stia entrando per centinaia di metri all’interno del terreno, scavando grotte suggestive e drammatiche. Inoltre, affrontando la salita che porta in cima alla scogliera, si apre un burrone proprio in mezzo al prato che mostra l’acqua dell’oceano all’interno.

 

Altre risorse interessanti

Hai trovato utile questo articolo?
5/51 voto