Croce Celtica

Altra leggenda è quella secondo cui la croce celtica, antico simbolo della cultura dei celti sia stata presa in prestito e rinnovata nella sua simbologia da San Patrizio. Conoscendo profondamente la cultura pagana, infatti, Patrizio, capì che per coinvolgere le genti doveva sfruttare immagini conosciute e amiche.

Così fu per la croce celtica, usata nei riti pagani: ad essa il Santo aggiunse un cerchio all’altezza dell’incrocio tra gli assi. Quel cerchio simboleggiava il Sole, ovvero il Cristo, luce delle genti e salvezza dell’umanità.

Sin dal XIX secolo, l’utilizzo della croce celtica è stato gradatamente recuperato in vari ambiti, come quello sportivo. Lo si evince dal simbolo della Gaelic Athletic Association (Gaa), l’associazione dal peso politico e sportivo fondata nel 1884.

 

Croce celtica, uno dei simboli d’Irlanda

La croce celtica è un importante simbolo del patrimonio culturale irlandese, che evoca il mistero del Medioevo. Allo stesso tempo, assume un significato popolare di fede e accomuna sia la credenza pagana sia quella di origine cristiana. Nell’isola la presenza delle croci celtiche è così massiccio che in nessun’altra terra celtica è possibile trovarne una quantità simile. Nemmeno nel Galles e in Scozia.

Va detto, che ripercorrere la storia della croce celtica irlandese significa entrare in qualche modo nel mondo celtico. Non è noto esattamente quando i Celti iniziarono a erigere pietre monumentali. Né è chiaro perché hanno sviluppato tale abitudine. Certamente si è capito che la pratica era comune molto prima che il cristianesimo arrivasse in Irlanda. Gli storici celtici suggeriscono che la forma di queste croci potrebbe essere scaturita come rappresentanza gli alberi.

Quando i missionari cristiani arrivarono nel V secolo, non volevano turbare i primi celti pagani. Intelligentemente, misero insieme croce cristiana e disegni a croce celtica, per rendere la nuova religione più facilmente accettabile e “familiare”. Secondo una leggenda popolare, San Patrizio stesso fu responsabile di combinare croce celtica con croce cristiana.

 

Categorie di croci celtiche

Come riconoscere una croce celtica da un’altra? Quando la croce è chiaramente una pietra ornamentale o cerimoniale e ha almeno 800 anni, potrete chiamarla Celtic High Cross. Se la pietra dovesse risalire al 12° secolo, lo scopo originario era probabilmente quello di marcare il territorio. Entrambe sono croci celtiche molto alte. Invece, quando la croce segna una tomba o un altro memoriale, parliamo di fabbricazioni piuttosto recenti. Il fenomeno dei memoriali della croce celtica irlandese risale al 1860.

 

Gli elementi che compongono una croce

Soffermandoci sulle croci più antiche, quindi quelle realizzate in pietra, possiamo notare che le braccia non si estendono oltre l’anello. Successivamente, questo vincolo è stato violato. La croce celtica in pietra è scolpita da antichi simboli celtici, anche geometrici, mentre le croci medievali sono decorate con scene bibliche. Le raffigurazioni circolari sulla sezione ad anello della croce, insieme con l’anello, rappresentano lo scudo del guerriero celtico. I panelli sono la parte bassa, quella scolpita, legata alla base.

 

Significati tradizionali

Il significato più comune per la Croce è quello solare. Quando l’asse orizzontale rappresenta inevitabilmente la terra e quello perpendicolare (o verticale) il mondo celeste. Ma un altro punto importante è sicuramente il Polo, ossia il punto dove i due assi della Croce celtica si intersecano, che rappresenta il mondo, così come nella ruota, posto al centro di tutte le cose: ne dirige il movimento senza parteciparvi egli stesso, o che secondo l’espressione di Aristotele, ne è il motore immobile.

 

Tatuaggi?

Le Croci Celtiche sono frequentemente utilizzate nei tatuaggi e sono in molti a subirne il loro fascino. Si trovano in un’ampia gamma di immagini e sono oramai popolari in tutto il mondo. Ad apprezzare il simbolismo della croce celtica sono soprattutto gli Stati Uniti d’America e l’Irlanda. Tante persone scelgono di tatuarsi in maniera indelebile queste croci con motivazioni differenti. Gli emigranti irlandesi, ad esempio, le utilizzano per rimarcare la propria appartenenza all’Isola Verde; Altri invece perché affascinati dal tipico stile ornamentale celtico. Questo simbolo inoltre, negli anni, è divenuto un’impronta di movimenti di estrema destra in tutta Europa.

 

Altre risorse interessanti

Hai trovato utile questo articolo?
4.8/521 voti