Ryanair

Ci sono voluti pochi anni per conquistare il mercato europeo. Così Ryanair ha letteralmente frantumato le modalità di viaggio tradizionale tramite l’aereo e fatto diventare gli aeroplani come un comunissimo mezzo di trasporto. L’azienda irlandese è riuscita a imporsi sui maggiori mercati internazionali e a guadagnarsi la nomea di “regina dei voli low cost”.

La rapida espansione di Ryanair è stata resa possibile dalla deregolamentazione dell’industria aerea europea del 1997. Negli anni successivi, buone campagna di marketing hanno coronato il sogno del vettore irlandese. Seppur discutibili e aggressive, le campagne pubblicitarie hanno conquistato fette maggiori di pubblico e fatto capire che in fondo bastava comprare un biglietto comodamente da casa.

Ryanair irrompe e spazza via il mercato delle agenzie di viaggio. Non serve più andare a chiedere un biglietto cartaceo: tutto avviene tramite internet. L’azienda cerca e si propone come contatto diretto. Cade la barriera tra chi effettua il volo e chi ci sale sopra: l’azienda vuole gestire tutto da sola. La formula si rivela vincente e così negli anni successivi anche gli altri operatori seguono l’esempio del vettore.

Indice

 

Destinazioni Ryanair

Ryanair è una compagnia aerea irlandese che collega diversi stati europei, Marocco, Israele e Isole Canarie. I collegamenti sono numerosissimi con partenze giornaliere. Citiamo i paesi coinvolti dal vettore e sono: Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Regno Unito, Repubblica Ceca, Italia e Spagna come le più popolari. La lista è di gran lunga più lunga. Scusate il giro di parole. 37 paesi, più di 80 basi in Europa, 450 Boeing, 2400 voli giornalieri. Ecco tutte le altre destinazioni.

Check-in

Negli ultimi periodi, Ryanair sta applicando delle restrizioni. Rispettate i tempi per effettuare il Check-in, che deve avvenire tra le 48 ore e 2 ore prima del volo, altrimenti potreste incappare in delle penali. Ovviamente, spese più pesanti per gli adulti e maggiormente contenute per i bambini. La carta d’imbarco, nel caso di un check-in online va stampata. Chiedere agli assistenti Ryanair al banco di fare di nuovo la stampa equivale a pagare un sovrapprezzo. Ad ogni modo scaricate la App ufficiale della compagnia e tenete tutto sotto controllo.

Il check-in è una operazione effettuata da tutte le compagnie, che consente di ottenere la carta d’imbarco. Ossia, una sorta di secondo biglietto, che garantirà il vostro ingresso a bordo dell’aereo. Oltre a questo vi verrà assegnato un numero, l’equivalente del posto. La procedura è possibile effettuarla direttamente online. Sia al banco che tramite il sito ufficiale Ryanair, dovrete essere in possesso di un documento d’identità valido. Opportunamente, il documento della registrazione online deve combaciare con il titolo mostrato in aeroporto. Durante la fase di check-in i posti a sedere sono definitivamente assegnati. Ebbene rendersi conto di dove sarete seduti, onde evitare brutte sorprese in aereo.

Bagagli

Tutti i passeggeri Ryanair hanno il diritto di portare a bordo una piccola borsa personale che deve essere posizionata sotto il sedile di fronte a voi (40 x 20 x 25 centimetri). Gli esempi includono borsa, borsa per laptop e zaino piccolo. I passeggeri che hanno acquistato l’imbarco “Priorità e 2 bagagli a mano” o Plus/Flexi/Family o biglietto aereo di collegamento possono portare a bordo un ulteriore bagaglio da 10 kg che deve essere inserito nel misuratore del bagaglio (non superiore a 10 kg e dimensioni 55 cm x 40 cm x 20 cm).

I passeggeri non prioritari che desiderano portare una seconda borsa più grande (10 kg di peso) devono acquistare il Bagaglio da 10 kg da registrare. Il secondo bagaglio registrato, da 10 Kg (55cm X 40cm x20cm) deve essere depositato al banco di consegna bagagli prima di passare il controllo di sicurezza. Giunto all’aeroporto di destinazione, ritirerai il bagaglio al nastro di riconsegna bagagli. I passeggeri che non hanno acquistato l’imbarco prioritario e che non hanno aggiunto una borsa alla loro prenotazione possono ancora acquistare un trolley da 10 kg al banco di consegna dei bagagli dell’aeroporto a un prezzo maggiore. Ritirerai questo bagaglio a mano al nastro di riconsegna dei bagagli del tuo aeroporto di destinazione.

 

Offerte 1 euro

La compagnia Ryanair mette a disposizione delle offerte 1 euro. Visto che non abbiamo in alcun modo contatti sul come e quando queste promozioni potranno avvenire, fate riferimento al sito ufficiale.

Storia

Fondata nel 1985 dall’uomo d’affari irlandese Tony Ryan, Ryanair iniziò la sua attività in Irlanda, garantendo il collegamento tra Waterford e London Gatwick. L’intenzione del fondatore era quella di inserirsi in un mercato fino ad allora dominato dal duopolio British Airways e Aer Lingus. Le due compagnie si spartivano la torta dei voli tra l’Isola di Smeraldo e il Regno Unito.

Nel 1986, Ryanair riesce ad aggiungere una seconda tratta. Sotto la parziale deregolamentazione imposta dall’Unione europea, era sufficiente che un solo governo desse l’autorizzazione alle compagnie aeree di effettuare voli interni nel paese. L’Irlanda rifiutò, al fine di proteggere la compagnia Aer Lingus, al contrario la Gran Bretagna, governata da Margaret Thatcher, approvò la tratta. Con due rotte e due aerei la compagnia fece registrare un movimento di 82 mila passeggeri annuali.

 

Ascesa

La storia della compagnia è un crescendo. Dopo un avvio incerto e con bilanci in perdita, Michael O’Leary ottenne l’incarico di ristrutturare la compagnia: il manager puntò da subito a un modello economico, che convincesse i viaggiatori con tariffe basse e senza fronzoli. Una mission che si tradusse letteralmente in “no frills”, termine che venne usato spesso da un’altra azienda del settore: la compagnia aerea statunitense Southwest Airlines.

O’Leary si convinse delle potenzialità di Ryanair e riuscì a guardare con successo il mercato aereo europeo, dominato al tempo dalle compagnie di bandiera di tutti i paesi membri. La competizione fu spietata, voli stracciati a fronte di tratte comuni con altre aziende. Bracci di ferro e “minacce”, praticate dai vari politici di turno, non hanno fermato la macchina che l’amministratore delegato aveva messo in moto.

Ryanair iniziò a imporsi in mezza Europa con servizi senza fronzoli e che garantissero il minimo indispensabile: ossia il volo. Si partì da piccoli aeroporti, desiderosi di attirare nuove compagnie aeree a cui venivano offerte basse tariffe di atterraggio e decollo. Nel 1995, grazie alla tenace fede nel proprio modello di impresa, la compagnia celebrò il decimo compleanno, trasportando oltre due milioni di passeggeri.

 

I numeri di Ryanair

La crescita fu costante nel tempo, arrivando a 5 milioni di passeggeri trasportati nel 1999, oltre 13 milioni nel 2002, oltre 30 milioni nel 2005, 42 milioni nel 2006, oltre 58 milioni nel 2008, 65 milioni nel 2009 e 72 milioni nel 2010. Nel 2012 ha trasportato oltre 79 milioni di passeggeri. Nel 2017 sono 117 milioni i passeggeri trasportati.

 

Altre risorse