Contea di Galwaynadja-golitschek, Pixabay

La Contea di Galway si trova sulla costa occidentale della Repubblica d’Irlanda e fa parte della provincia irlandese del Connacht.  Il territorio confina a nord con la contea di Mayo, a nord-est con la contea di Roscommon, ad est con la Contea di Offaly, a sud-est con la contea di Tipperary e a sud con la contea di Clare, mentre si affaccia a ovest sull’Oceano Atlantico e a sud-ovest sulla Galway Bay.

Seconda contea d’Irlanda per dimensione, superata soltanto dalla contea di Cork, la località ospita oltre 250mila abitanti. L’area è tagliata in due grosse macro regioni, se così si possono definire, dal Lough Corrib, che percorre longitudinalmente la parte centrale del territorio dal confine con il Mayo fino alle porte della città omonima e dell’Oceano Atlantico, cui è collegato dal River Corrib.

Il clima della regione è temperato, grazie agli influssi della corrente del Golfo. Ciò non vuol dire che non sia umido e piovoso e, spesso, ventoso per le forti correnti atlantiche.

 

Cosa vedere nella Contea di Galway

Porta d’ingresso del Connemara, Galway ospita 80mila abitanti. La cittadini omonima è un vero e proprio bijou, tanto da essere considerato una delle migliori attrazioni locali. Collegata per ferrovia a Dublino, è una ricercata meta turistica. Molto carino il centro città pieno di pubs e ristoranti. La via più gettonata è Quay Street denominata già il quartiere latino d’Irlanda.

Isole Aran

Carraroe

Ancora da vedere nella Contea di Galway sono gli antichi insediamenti e gli edifici monastici. Ne è un esempio quello di Knockmoy, a circa 10 km da Tuam. Facili da raggiungere in auto anche castelli e le fortificazioni anglo-normanni. La maggior parte sono in rovina, ma alcuni hanno subito dei restauri. In particolare il castello di Tuam, costruito nel 1161 da Roderick O’Connor, re d’Irlanda, durante il periodo dell’invasione inglese, è uno dei più antichi dell’isola.

Da non perdere nel caso aveste tempo, il castello circolare, forma abbastanza inconsueta nelle costruzioni militari irlandesi, situato tra le località di Gort e Kilmacduagh. Ammirate, se previsto nel vostro itinerario, le costruzioni preistoriche e medievali situate sulle isole Aran, nella città di Galway, ad Athenry, e nei dintorni di Ballinasloe. Segnaliamo anche la piccola chiesa di Clonfert, nella parte meridionale della contea, che si presenta con un grazioso portico in stile romanico. In realtà è a tutti gli effetti una cattedrale. Dal lontano 1833, la diocesi fu unita con quella di Kilfenora, Kilmacduagh e Killaloe.

Prenota un hotel locale

 

Simboli della Contea di Galway

Lo stemma della Contea di Galway, pur variando nei colori, si ispira fortemente a quello dell’omonimo capoluogo. Tra l’altro, quest’ultimo era già più o meno modificato. L’attuale composizione, adottata ufficialmente dal County Council, presenta un Hooker (piccola imbarcazione a vela) che naviga sul mare. La vela è impressa sul rosso scuro a sua volta su uno scudo blu, sul quale sono situate quattro stelle.

Abbastanza diverso, invece, è quello della GAA, associazione sportiva che unisce le anime delle due Irlande, con ben evidenti simboli sportivi. C’è in aggiunta il pallone del calcio gaelico, uno scudo completamente differente e un paesaggio costiero piuttosto articolato, con un hooker molto meno evidente sul lato destro. Ad ogni modo, i colori sportivi e tradizionali della Contea di Galway sono il color prugna ed il bianco. Sebbene non siano colori molto semplici da individuare, anche la Contea di Westmeath li ha adottati vantando la stessa medesima bandiera.

 

Storia

La storia della contea di Galway non deve essere trascurata. Ci sono delle leggende che documentano eventi importanti e misteriosi. Altri che descrivono momenti di calma e relax. Citiamo la Battaglia di Aughrim, sicuramente movimentata che si alterna, si fa per dire, alla località di Recess: l’unico posto dove non è mai accaduto niente. Ad ogni modo il territorio è stato, per diversi secoli, preda di molti clan, deriva da questo il nomignolo di City of Tribes, che non hanno lasciato molte tracce nella storia. Nemmeno l’incagliamento sulle coste occidentali di una parte dell’Invincibile Armata spagnola, avvenuta nel 1588, racconta qualcosa di nuovo.

La creazione dell’attuale contea, datata 1579, riporta eventi di notevole rilevanza oltre un secolo dopo. A cominciare dalla guerra di Aughrim, combattuta nel 1691, episodio legato alla Rivoluzione inglese. Altri eventi importanti si svolsero più in là nei pressi di Clifden: nel XIX secolo la trasmissione con un telegrafo senza fili di Guglielmo Marconi con la Terranova e nel 1919 l’atterraggio di Alcock e Brown, autori della prima trasvolata atlantica senza scalo. Quest’ultimo episodio è commemorato da un monumento sull’altura dove avvenne l’atterraggio.

 

Le fotografie

La zona costiera della Contea di Galway è molto estesa e ricca di isolotti, baie e porti naturali, che vengono però spesso sfruttati solo per piccole attività ittiche locali. Partendo da nord nell’area settentrionale del Connemara, la costa segue un andamento verso sud o sud-ovest fino alle parti di Roundstone. A nord il Killary Harbour, unico fiordo irlandese lungo più di 15 km, fa da confine col Mayo, mentre in senso antiorario seguono la Cleggan Bay, Streamstown, la Mannin Bay, la Roundstone Bay e la bene conosciuta Kilkieran Bay. Queste sinuose baie, tutte considerate parte del Connemara, custodiscono delle baie suggestive, porti naturali e spiagge selvagge di particolare interesse, fra tutte la celebre Dog’s Bay nei pressi di Roundstone ed i panorami costieri della Sky Road e di Omey Island vicino Clifden.

Le foto sono di proprietà di Jorge Tutor, a cui rimandiamo ogni diritto di proprietà. Dunque, è vietato prendere tali fotografie e pubblicarle previo il consenso a cui rimandiamo.

Hai trovato utile questo articolo?
5/555 voti