La bandiera irlandese

Molto simile a quella italiana, la bandiera irlandese differisce per il colore rosso sostituito con l’arancione. Tre bande verticali di uguali dimensioni: verde verso l’asta, bianca e arancione. Così vogliamo affrontare il capitolo Bandiera Irlanda, per conoscere e le tradizioni e grandi storie che si celano dietro un vessillo.

Come prima cosa, dobbiamo ricordare che la bandiera Irlanda è riconosciuta dalle comunità nazionaliste dell’Irlanda del Nord che invece dispongono di un’altro drappo. Non vogliamo soffermarci a lungo su questo, ma ebbene distinguere l’Eire – ossia la Repubblica – da quel pezzo di terra che si trova sulla punta nord. Una terra contesa che per ovvie ragioni presenta un proprio drappo.

Inoltre, ti invitiamo a fare attenzione a non confondere la bandiera Irlanda con il vessillo della Costa D’Avorio. La stoffa del paese africano presenta gli stessi colori ma con differente proporzionalità e disposizione.

 

La bandiera Irlanda: arancione, bianca e verde

Bandiera irlandeseIl «verde» della bandiera irlandese indicherà le popolazioni nazionaliste cattoliche, l’«arancione» le unioniste protestanti e il «bianco» ne consacrerà la pace. Il drappo, che oggi sventola sul tetto del General Post Office (foto in alto), non fu utilizzato durante la Sollevazione di Pasqua.

La bandiera irlandese assunse un carattere nazionale. Dapprima contraddistinguendo lo Stato Libero e a seguire l’Éire. La ratifica definitiva arrivò soltanto nel 1937, quando la costituzione (Bunreacht na hÉireann) gli diede, appunto, valore costituzionale. Il vessillo sventola sulla residenza del Presidente d’Irlanda (Áras an Uachtaráin), su Leinster House e sulla sede del Parlamento quando è in seduta. Il gonfalone emerge sulle corti irlandesi, sui pennacchi degli edifici pubblici come il GPO, e viene utilizzata per avvolgere le bare di illustre personalità irlandesi.

Storia della bandiera irlandese del Sud

La bandiera irlandese fu utilizzata nella rivolta come vessillo della Compagnia denominata ‘E’. Sventolata sopra il GPO di Dublino, l’allora quartier generale dei leader dei rivoltosi. Contrariamente alla bandiera ufficiale, il tricolore della Compagnia ‘E’ fece presa sull’immaginazione pubblica e divenne de facto la bandiera della Repubblica irlandese (1919-22). Soltanto nel 1922, la bandiera acquisì il ruolo di drappo nazionale dello Stato Libero Irlandese. Il periodo sucessivo che indica un nuovo passaggio è quello dallo Stato Libero all’Éire. Passarono dieci anni: era il 1937 e la costituzione sancì, finalmente, il suo valore costituzionale. Da allora,il drappo è rimasto così come la conosciamo attualmente: bandiera Irlanda.

 

Informazioni e curiosità

Il gabinetto del Primo Ministro ha emanato le linee guida per aiutare le persone a dare il dovuto rispetto della bandiera irlandese. L’osservanza di queste norme è una questione che riguarda ogni individuo. Nessuno è escluso. Le normative sono chiare e prevedono il rispetto da parte di tutti coloro che in qualche modo interagiscono con il drappo.

Il Dipartimento ha la responsabilità generale del protocollo per lo sventolamento del gonfalone. Nessun altro stendardo deve sventolare sopra il vessillo nazionale. Il vessillo dell’Unione europea, in occasioni ufficiali, deve essere posizionata sulla sinistra del drappo nazionale. Inoltre, il pezzo di stoffa non deve toccare il suolo. Quando la bandiera irlandese è issata a mezz’asta, occorre considerare i passaggi effettuati prima di collocare il tessuto nella sua posizione conclusiva. Dapprima, il personale incaricato porta lo stendardo al picco per poi abbassarlo alla posizione di mezz’asta. Sono le circostanze, o occasioni cerimoniali, a decretare come e quando issare o abbassare il drappo. Ne è un esempio il passaggio di una parata e a tutti i presenti è richiesto di stare sull’attenti.

 

Altre risorse interessanti

Hai trovato utile questo articolo?
5/512 voti