Dublin Writers Museum, il museo degli scrittori

Il Dublin Writers Museum è il Museo degli scrittori di Dublino. Una tappa obbligatoria quando si passa per Dublino per conoscere, scoprire ed esplorare l’immenso patrimonio letterario della capitale irlandese. Un museo istituito per promuovere l’interesse della letteratura irlandese nel suo insieme e nella vita e le opere di singoli autori.

Inaugurato nel novembre 1991, il Dublin Writers Museum si trova al civico 18 di Parnell Square. Occupa una villa ristrutturata in stile georgiano risalente al diciottesimo secolo. Al Museo troverete libri, lettere, ritratti e oggetti personali dei grandi scrittori e anche tante curiosità. Ad esempio sapevate che Oscar Wilde fosse un promettente pugile? Altri aneddoti riguardano Samuel Beckett, ma non vogliamo anticipare troppo.

Il Museo è un centro che riunisce i filoni della letteratura irlandese e integra i musei più piccoli e dedicati esclusivamente a personaggi illustri come James Joyce , George Bernard Shaw , William Butler Yeats e Patrick Pearse. Si tratta di un luogo in cui le persone possono venire da Dublino oppure dall’estero e sperimentare il fenomeno della scrittura irlandese sia come storia sia come realtà.

Dublin Writers Museum, il museo degli scrittori

 

La storia del Dublin Writers Museum

L’idea di realizzare il Dublin Writers Museum è stata del giornalista e scrittore Maurice Gorham (1902 – 1975). Inaugurato nel novembre 1991 al civico 18 di Parnell Square, l’esposizione permanente sorge in una casa del XVIII secolo, che ospita oltre alle sale del museo, una biblioteca e gli ufficiale dell’amministrazione. Nelle due sale dedicata alle esposizioni viene presentata la storia della letteratura irlandese, dai suoi inizi fino ai tempi recenti mentre alla sommità dello scalone vi è la Biblioteca Gorham con il suo soffitto Stapleton. Qui sono conservati il Museo dei libri, tra cui edizioni rare e collezioni speciali.

Accanto alla biblioteca del Dublin Writers Museum c’è invece il salone, conosciuta come la Galleria degli scrittori. Una camera decorata, che mostra i ritratti e i busti degli scrittori irlandesi. Salendo al primo piano, troviamo le mostre temporanee, mentre al piano terra un Coffee Shop e un Bookshop. Hai mai sentito parlare del Dublin Writers Festival?

 

Esposizioni

Nel museo sono esposti ephemera e memorabilia letterari, tra cui una replica dettagliata del Book of Kells, il telefono di Samuel Beckett, una lettera dell’aristocratico Brendan Behan a suo fratello, l’ephemera del Abbey Theatre di Lady Gregory, una lettera di WB Yeats del 1910, i programmi serali di Oscar Wilde recitano An Ideal Husband e Lady Windermere’s Fan, un’edizione del 1804 di Gulliver’s Travels di Jonathan Swift, una terza edizione di The Crock of Gold di James Stephens, una prima edizione di Pome Penyeach di James Joyce e una prima edizione di Dracula di Bram Stoker insieme a una lettera autografa di Stoker. A tutto questo vanno aggiunti anche ritratti di scrittori irlandesi di artisti come Patrick Swift, Reginald Gray, Edward McGuire e Harry Kernoff.

 

Come arrivare

Situato nel centro di Dublino a cinque minuti da O’Connell Street, il Dublin Writers Museum è raggiungibile via bus al 18 di Parnell Square. Per non sbagliare, potrete salire sui seguenti autobus che fanno sosta davanti al museo: 10, 11, 11A, 11B, 13, 13A, 16, 16A, 19 e 19A. Per maggiori informazioni, utili, consultate il sito ufficiale del Museo.

Hai trovato utile questo articolo?
5/55 voti