Iris Murdoch (Dublino 1919 – Oxford 1999), filosofa e scrittrice, ha studiato a Oxford e ha insegnato filosofia. Dopo aver esordito con un lavoro critico su Sartre, Iris Murdoch si è dedicata alla narrativa.

I primi romanzi di Iris Murdoch, Sotto la rete (Under the net, 1954), Il castello di sabbia (The sand-castle, 1957), La campana (The bell, 1958) e Una testa tagliata (A severed head, 1961), coniugano toni picareschi con un’attenta descrizione di personaggi dibattuti tra impulsi sessuali e ansia religiosa.



La successiva produzione narrativa di Iris Murdoch indulge a toni melodrammatici e a temi diffusi nella letteratura di consumo: L’unicomo (The unicorn, 1963), Il sogno di Bruno (Bruno’s dream, 1969), Il principe nero (The black prince, 1973), Il mare, il mare (The sea, the sea, 1978).

Iris Murdoch biografia

Jean Iris Murdoch nasce a Dublino, da padre presbiteriano e madre anglicana, ma cresce a Londra, dove la famiglia si trasferisce quando Iris ha poco più di un anno. Dopo aver studiato letteratura greca e latina, storia antica e filosofia al Somerville College di Oxford, Iris prosegue gli studi di filosofia al Newnham College a Cambridge dove frequenta delle lezioni di Ludwig Wittgenstein.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale Iris Murdoch inizia a lavorare per l’UNRRA, l’organizzazione dell’ONU che si occupa di profughi e rifugiati; questo lavoro porta la futura scrittrice in diversi paesi europei, fra i quali Belgio e Austria. La “sosta” in Belgio, in particolare, si rileva fondamentale per la sua carriera filosofica: qui Murdoch ha la possibilità di incontrare il filosofo Jean-Paul Sartre e di leggerne l’opera, difficilmente reperibile in Gran Bretagna.

Nel 1948 Iris Murdoch diviene insegnante di filosofia presso il Saint Anne’s College a Oxford, dove continuerà a lavorare fino al 1963. Qui Iris incontrerà anche il suo futuro marito: lo scrittore e professore John Bayley, suo sposo nel 1956. La sua prima opera filosofica Sartre, Romantic Rationalist viene pubblicata nel 1953; l’anno successivo è invece quello del suo debutto come scrittrice con Sotto la rete.

Comincia così una lunga carriera: Iris Murdoch scrive pressoché ininterrottamente fino al 1995, anno in cui scopre di essere affetta dall’Alzheimer. Iris muore nel febbraio del 1999; il marito, che l’assiste fino alla fine, la ricorda in due libri: Elegy for Iris (1998) e Iris and Her Friends: A Memoir of Memory and Desire (1999).

Libri

Acquista i libri di Iris Murdoch.



Acquista subito i suoi libri

Scrittori irlandesi

C’è un lungo elenco di scrittori natii d’Irlanda. Alcuni hanno influenzato il Secolo, veri e propri personaggi irlandesi, altri contribuito a diffondere la cultura irlandese e le proprie idee. Tra loro si sono distinti particolarmente William Butler Yeats, considerato il poeta nazionale irlandese. In questa élite ci sono George B. Shaw, l’amato James Joyce, i nobel Samuel BeckettSeamus Heaney. Segnaliamo la popolarità di Oscar Wilde , del papà di Dracula Bram Stoker, di Clive Staples Lewis con le sue cronache di Narnia. Jonathan Swift, coi suoi viaggi di Gulliver; John M. Synge e Lady Isabella, Patrick Kavanagh, più recente Roddy Doyle.

Senza nulla togliere, e ci mancherebbe, ad Antoine Hamilton, come del resto Brendan Behan o Cecil Day Lewis e Charles R. Maturin. In questo interminabile elenco c’è Edna O’Brien, Edward Dunsany, ed Elizabeth Bowen. Gli irlandesi Flann O’BrienFrank O’Connor, George BerkeleyGeorge Farquhar, George MooreGerald Durrell. Continuiamo con Iris Murdoch e James Hanley e John DenhamJoseph O’Connor, fratello della famosa cantante. Joyce CaryLawrence G. Durrell al pari di Liam O’FlahertyLouis Mac NeiceMorr O’Dalaigh, Oliver Goldsmith e Rebecca West. A chiudere l’elenco  ci sono Richard Sheridan,  Richard Steele, Sean O’Casey, Sean O’Faolain e Thomas De Vere. E ancora Thomas KinsellaMayne Raid, Thomas MooreThomas Parnell.

Hai trovato utile questo articolo?
5/51 voto